Marchio di colore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Un marchio di colore è un marchio registrato, può essere solo uno o più colori in combinazione senza una figura.

Base[modifica | modifica wikitesto]

Un colore astratto può assolvere la funzione di marchio distintivo di un oggetto, di un prodotto (economia) di una azienda e distinguerlo da altri simili. Da ciò deriva la possibilità di poterlo registrare presso l'Ufficio marchi e brevetti.

Esempi
Colore Azienda Note
Pantone 368 (Verde)
Pantone 368C Green.png
Dresdner Bank Finanza.
RAL-1021 (Giallo) ADAC Automobil Club Tedesco.
RAL-4010 (Magenta) Deutsche Telekom Telecomunicazioni (Numero di registrazione 39552630.2)
Pantone 280 (Blu)
Blue color Pantone 280C.png
Nivea-Blu
Beiersdorf AG Marchio registrato a livello mondiale.
Milka-lillaa)
Milka Lila.png
Mondelēz International Confezioni di cioccolato.
a) Questo colore nel 1995 fu reclamato da Kraft Foods come primo marchio di colore, protetto dal diritto europeo. In un procedimento dell'ottobre 2004 la Corte federale di giustizia ha esaminato la richiesta per il colore lilla di una confezione di cioccolato.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Urteil des BGH vom 3.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alexander Block: Abstrakte Farbmarken im Eintragungs- und Verletzungsverfahren. Grin Verlag, München 2008, ISBN 978-3-640-11702-4, (Master-Thesis 2006, Rostock).
  • Kathrin Samwer: Der Schutz der abstrakten Farbmarke. Heymann, Köln u. a. 2004, ISBN 3-452-25817-3, (Karlsruher Schriften zum Wettbewerbs- und Immaterialgüterrecht (KWI) 6), (Zugleich: Osnabrück, Univ., Diss., 2004).
  • Lina Panitz: Die Farbe Milka. In: Die Welt, 11. Oktober 2005.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]