Marcel Detienne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Marcel Detienne (Liegi, 11 ottobre 1935Nemours, 21 marzo 2019) è stato uno storico, antropologo e storico delle religioni belga, specializzato nello studio dell'antica Grecia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Insieme a Jean-Pierre Vernant e Pierre Vidal-Naquet, cercò di applicare un approccio antropologico, influenzato dallo strutturalismo di Claude Lévi-Strauss, allo studio della Grecia classica e arcaica.

Detienne conseguì il dottorato in scienze religiose all'École des hautes études en sciences sociales nel 1960, e quello in lettere e filosofia all'Università di Liegi nel 1965. Fu direttore dell'École pratique des hautes études, dove insegnò fino al 1998, nonché ricercatore al Centro di ricerche comparate sulle società antiche di Parigi. Dal 1992 tenne anche un corso presso il Dipartimento di Studi Classici della Johns Hopkins University.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • 1962, Homère, Hésiode et Pythagore: poésie et philosophie dans le pythagorisme ancien
  • 1963, Crise agraire et attitude religieuse chez Hésiode
  • 1963, La notion de daimon dans le pythagorisme ancien
  • 1963, De la pensée religieuse à la pensée philosophique
  • 1967, Les Maîtres de vérité dans la Grèce archaïque, (trad. it. Augusto Fraschetti, I maestri di verità nella Grecia arcaica, Bari-Roma: Laterza 1977 e Milano: Mondadori 1992)
  • 1972, Les Jardins d'Adonis, (trad. it. Letizia Berrini Pajetta e Arianna Ghilardotti, I giardini di Adone, Torino: Einaudi 1975 e Milano: Cortina 2009)
  • 1974, Les ruses de l'intelligence: la métis des Grecs, (in collaborazione con Jean-Pierre Vernant, trad. it. Andrea Giardina, Le astuzie dell'intelligenza nell'antica Grecia, Bari-Roma: Laterza 1984)
  • 1977, Dionysos mis à mort (trad. it. Mario De Nonno, Dioniso e la pantera profumata, Bari-Roma: Laterza 1983)
  • 1977, La cuisine du sacrifice en pays grec, (in collaborazione con Jean-Pierre Vernant e con scritti di Jean-Louis Durand e altri, trad. it. La cucina del sacrificio in terra greca, Torino: Bollati Boringhieri, 1982)
  • 1978, Demoni in Enciclopedia Einaudi, Torino: Einaudi 1978, vol. 4, pp. 559–571
  • 1980, Mito / rito in Enciclopedia Einaudi, Torino: Einaudi 1980, vol. 9, pp. 348–363
  • 1981, L'invention de la mythologie (trad. it. Flavio Cuniberto, L'invenzione della mitologia, Torino: Bollati Boringhieri 1983)
  • 1986, Dionysos à ciel ouvert (trad. it. Maria Garin, Dioniso a cielo aperto, Bari-Roma: Laterza 1987 e 2000)
  • 1988, Les Savoirs de l'écriture en Grèce ancienne (in collaborazione con Giuseppe Cambiano e altri, trad. it. Maria Rosaria Falivene, Sapere e scrittura in Grecia, Bari-Laterza: Laterza 1997)
  • 1989, L' écriture d'Orphée, (trad. it. Maria Paola Guidobaldi, La scrittura di Orfeo, Bari-Roma: Laterza 1990)
  • 1989, La vie quotidienne des dieux grecs (in collaborazione con Giulia Sissa, trad. it. Claudia Gaspari, La vita quotidiana degli dei greci, Bari-Roma: Laterza 1989 e Milano: Mondadori 1994)
  • 1998, Apollon le couteau à la main (trad. it. Francesco Tissoni, Apollo con il coltello in mano. Un approccio sperimentale al politeismo greco, Milano: Adelphi 2002)
  • 2002, Comparer l'incomparable
  • 2003, Comment être autochtone: du pur Athénien au Français raciné (trad. it. Francesco Tissoni, Essere autoctoni. Come denazionalizzare le storie nazionali, Firenze: Sansoni 2004)
  • 2003, Qui veut prendre la parole?
  • 2005, Les Grecs et nous (trad. it. Arianna Ghilardotti, Noi e i greci, Milano: Cortina, 2007)

Come redattore e coredattore:

  • 1976, Il mito: guida storica e critica, Bari-Roma: Laterza 1976, 1989 e 1994, traduzione di Giuliana Lanata
  • 1994, Transcrire les mythologies: tradition, écriture, historicité
  • 1996, Destin de Meurtriers

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN108443541 · ISNI (EN0000 0001 2146 9842 · LCCN (ENn80120944 · GND (DE113063210 · BNF (FRcb11899937j (data) · BAV ADV10306150