Pizzuta d'Avola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Mandorla Pizzuta d'Avola)
Jump to navigation Jump to search
Mandorla Pizzuta d'Avola
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneSicilia
Zona di produzioneAvola
Dettagli
Categoriaortofrutticolo
RiconoscimentoP.A.T.
SettoreProdotti vegetali allo stato naturale o trasformati

La mandorla Pizzuta d'Avola è una cultivar di Prunus dulcis (Mill.) D.A.Webb var. dulcis (DC.) Buchheim, tipica della zona del territorio del val di Noto, in particolare di Avola in provincia di Siracusa.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Mandorle con fiori e dolce tipico

È stata selezionata nell'Ottocento dal botanico avolese Giuseppe Bianca.

La fioritura inizia a gennaio. Le mandorle maturano tra la terza decade di luglio e la prima decade di agosto.

Questa varietà è autoincompatibile. Generalmente, per la raccolta, si esegue l'abbacchiatura. La resa in sgusciato è compresa tra il 21 e il 23%. La percentuale di semi doppi è del 15% circa.

È molto ricercata nell'industria dolciaria e per la produzione di confetti.

Insieme alla Romana e alla Fascionello è una delle tre cultivar tutelate nel presidio di Slow Food "Mandorle di Noto".

Caratteristiche agronomiche[modifica | modifica wikitesto]

Albero[modifica | modifica wikitesto]

Frutto[modifica | modifica wikitesto]

  • Forma: amigdaloide, molto appiattito, appuntito
  • Dimensione media: mm 44,5 x 26,2 x 16,7
  • Peso medio: g. 7,6

Gusci[modifica | modifica wikitesto]

  • Colore: marrone
  • Consistenza: molto duro
  • Peso medio: g. 5,9

Semi[modifica | modifica wikitesto]

  • Forma: amigdaloidi, appiattiti, uniformi
  • Dimensione Media: mm 29,3 x 15,6x 7,1
  • Peso Medio: g. 1,5
  • Colore: marrone scuro
  • Semi doppi: 15‐20%
  • Resa commerciale: su frutto in guscio 18‐21

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]