Mammaliaformes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Mammaliaformes
Adelobasileus cromptoni.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
(clade) Mammaliaformes
Gruppi

I mammaliaformi (Mammaliaformes) sono un gruppo di vertebrati sinapsidi, contenenti i mammiferi e tutti i loro parenti estinti più stretti.

Evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Origine dei mammaliaformi[modifica | modifica wikitesto]

La filogenesi precisa di questo gruppo non è ben definita a causa della scarsità dei reperti fossili delle forme più antiche. In ogni caso, si pensa che i mammaliaformi primitivi siano costituiti da tre principali sottogruppi: gli alloteri (Allotheria), la linea evolutiva di pre-mammiferi più longeva; i docodonti (Docodonta) dalla strana dentatura, comprendenti anche i morganucodonti; e i simmetrodonti (Symmetrodonta), considerati ancestrali ai mammiferi veri e propri.

I mammaliaformi si sono evoluti a partire dai cinodonti, probabilmente da piccoli animali simili a Probainognathus. Il gruppo degli alloteri, comunque, sembra così differente dagli altri che molti studiosi pensano si possa essere evoluto indipendentemente, a partire da altri gruppi di cinodonti.

Diversificazione[modifica | modifica wikitesto]

I primi mammaliaformi erano simili a roditori per forma e dimensioni, e la maggior parte delle loro caratteristiche distintive riguardavano l'anatomia interna. In particolare, la struttura delle mascelle e la disposizione dei denti nei mammaliaformi è quasi unica. Invece di avere molti denti sostituiti frequentemente, i mammiferi e i loro parenti possiedono solo una serie di denti da latte e un'altra di denti permanenti, che si incastrano perfettamente tra di loro. Si presume che questo tipo di dentatura aiuti a spezzettare i cibo per rendere più facile la digestione. Dal momento che gli animali "a sangue caldo" richiedono più calorie di quelli "a sangue freddo", velocizzare i processi digestivi è una vera e propria necessità. È possibile che i primi mammaliaformi fossero in gran parte notturni.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

I mammaliaformi possiedono varie caratteristiche comuni. Tra le più importanti, i molari molto specializzati, con cuspidi e regioni appiattite per tritare il cibo. Questo sistema è attualmente conosciuto solo per i mammiferi, anche se sembra che si sia evoluto varie volte indipendentemente in vari gruppi di pre-mammiferi.

Si pensa che l'allattamento e la pelliccia, insieme con altri caratteri importanti nei mammiferi, fossero già presenti nei mammaliaformi, ma questi tratti sono difficili da studiare nella documentazione fossile. Per quanto riguarda la presenza di pelliccia, il ritrovamento di Castorocauda lutrasimilis rappresenta una delle poche eccezioni. Alcuni mammaliaformi primitivi possedevano ancora caratteristiche da rettile, come ad esempio la locomozione o molteplici ossa nella mandibola.

Filogenesi[modifica | modifica wikitesto]

Mammaliaformes
 

Sinoconodon


 
 

Adelobasileus


 
 
 

Morganucodon


 

Megazostrodon



 
 
 

Haldanodon


 

Castorocauda



 
 

Hadrocodium


Mammalia
 

Australosphenida (monotremi e i loro parenti estinti)


Boreosphenida
 

Fruitafossor


 
 

Eutriconodonta


 
Allotheria
 

Tinodon


 
 

Haramiyavia


 
 

Arboroharamiya


Multituberculata
 

Plagiaulacida


 

Cimolodonta






 
 

Symmetrodonta


 
 
 

Dryolestes


 

Henkelotherium



 
 
 

Amphitherium


 

Peramus



 
 

Vincelestes


 
 

Nanolestes


 
 

Aegialodon


Theria
 

Metatheria (marsupiali e i loro parenti estinti)


 

Eutheria (mammiferi placentati)


















Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Animali Portale Animali: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di animali