Lucina di Roma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando Anicia Lucina, martire a Roma con sant'Antimo, vedi Antimo di Roma.
Santa Lucina di Roma

Vergine e martire

 
Venerata daChiesa cattolica
Ricorrenza30 giugno
Patrona diRosate[1]

Santa Lucina, venerata da tempi lontani come santa dalla Chiesa cattolica, visse nella Roma dei primi secoli.

Vita[modifica | modifica wikitesto]

Le fonti purtroppo non concordano con i dettagli. Esistono due versioni della vita di una matrona romana di nome Lucina e di fede cristiana. Ovviamente, è possibile anche che siano esistite entrambe.

Lucina matrona del I secolo[modifica | modifica wikitesto]

Secondo una versione, Lucina sarebbe vissuta nel I secolo (o a cavallo tra il I e il II); battezzata da san Pietro in persona, visitava i cristiani nelle carceri - tra i quali Processo e Martiniano.[2]

Secondo De Rossi, Lucina è il nome che assunse con il battesimo la matrona Pomponia Grecina, moglie di Aulo Plauzio, che Tacito scrive esser stata accusata di seguire "superstizioni straniere" (e poi assolta: Annali, 13,32). Il ritrovamento nelle Cripte di Lucina, oggi inglobate nelle Catacombe di san Callisto, di tombe di possibili suoi parenti o discendenti (Pomponius Bassus, Pomponius Grekeinus) dà all'ipotesi una certa solidità.[3]

D'altra parte, il Liber pontificalis riporta che una certa Lucina (detta "beata") raccolse di notte le spoglie di papa Cornelio e le depose in una cripta di sua proprietà nel "Cimitero di Callisto".[4] Siccome però papa Cornelio morì nell'anno 253, quest'affermazione riporterebbe anche le Cripte di Lucina alla seconda versione (v. sotto).

Lucina matrona del III secolo[modifica | modifica wikitesto]

Secondo l'altra versione, Lucina di Roma visse nel III secolo o a cavallo tra il III e il IV, curò la sepoltura di vari martiri, tra cui Sebastiano (ucciso nel 288) e Marcelliano e concesse la propria abitazione per le riunioni religiose; questa fu poi trasformata in vera e propria chiesa, consacrata ufficialmente da Sisto III nel 440, e oggi è, con le trasformazioni occorse nei secoli, la Basilica di San Lorenzo in Lucina, nel centro storico di Roma.[2]

Culto[modifica | modifica wikitesto]

La prima menzione ufficiale di Lucina come santa è attribuita a sant'Adone di Vienna in Francia (IX secolo), che la incluse nel suo Martirologio in corrispondenza del 30 giugno, e riportò anche notizie sulla sua vita.[2][5]

Le reliquie furono ritrovate nelle Catacombe di san Sebastiano e poi trasportate nel 1621 a Massalubrense vicino a Sorrento, con l'autorizzazione di papa Gregorio XV. Durante la prima metà del XX secolo, il vescovo di Sorrento le donò al cardinale Alfredo Ildefonso Schuster, arcivescovo di Milano; questi a sua volta nel 1933 le donò alla parrocchia di santo Stefano a Rosate, guidando di persona la processione che accompagnò la consegna delle reliquie.[1]

Nel vecchio Martirologio Romano santa Lucina è descritta con queste parole: A Roma, commemorazione di santa Lucina, discepola degli Apostoli, che, provvedendo con i suoi beni alle necessità dei santi, visitava i Cristiani detenuti in carcere e provvedeva alla sepoltura dei Martiri; accanto ai quali anche lei fu sepolta, in una cripta da lei stessa costruita.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Santa Lucina, in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it. URL consultato il 9 luglio 2020.
  2. ^ a b c (DE) J.Schäfer, Lucina von Rom, su Ökumenisches Heiligenlexikon, 2017. URL consultato il 28 giugno 2020.
  3. ^ (EN) Crypt of Lucina, su CatholiCity. URL consultato il 28 giugno 2020.
  4. ^ Le Cripte di Lucina, su ElevaMente al Cubo. URL consultato il 28 giugno 2020.
  5. ^ (LA) Ado Viennensis, Martyrologium (PDF), su Documenta Catholica Omnia, p. 48(296). URL consultato il 28 giugno 2020.
    «Item natalis beatissimae Lucinae, discipulae Apostolorum».
  6. ^ Traduzione libera da: (LA) Vetus Martyrologium Romanum (PDF), su Catholica Documenta Omnia. URL consultato il 28 giugno 2020. Data: 30 giugno.
Controllo di autoritàVIAF (EN128590992 · GND (DE141778598 · CERL cnp02043065 · WorldCat Identities (ENviaf-128590992