Lubin Baugin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Lubin Baugin (Pithiviers, 1612 ca – Parigi, 1663) è stato un pittore francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Pochi documenti ci danno notizie sulla sua vita e sui suoi maestri e pochi quadri sono stati sino ad oggi attribuiti a questo pittore: tra gli 11 ordinati per la Cattedrale di Notre-Dame a Parigi, solo quattro sono ancora esistenti.

Scrivania con candela, Galleria Spada, Roma

Accolto come maestro pittore nella corporazione di Saint-Germain-des-Prés nel 1629, a partire dal 1636 soggiornò in Italia per alcuni anni.

Nelle sue poche opere rimaste di carattere religioso è palese l'influsso della scuola di Fontainebleau, ma è anche determinante il ricordo delle tele di Raffaello, di Barocchi, di Correggio, che poté studiare in Italia e soprattutto l'imitazione delle opere del Parmigianino e di Guido Reni, tanto che Baugin fu soprannominato il piccolo Guido.

Quattro nature morte firmate Baugin hanno fatto pensare a due artisti con lo stesso nome; ma analizzando documenti d'archivio e prove stilistiche, come i toni cromatici particolarmente aspri e l'impaginazione raffinata e preziosa, hanno dimostrato che si tratta dello stesso artista.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Natura morta con pesche, Museo di Belle Arti, Rennes
Cinque sensi, Louvre, Parigi
Dessert di cialde, Louvre, Parigi
Vergine con Bambino e san Giovannino, Museo di Belle Arti, Rennes
  • Vergine con Bambino e san Giovannino, Museo di Belle Arti, Rennes
  • Presentazione della Vergine al Tempio, Museo Granet, Aix-en-Provence
  • Nascita della Vergine, Museo Granet, Aix-en-Provence
  • Martirio di San Bartolomeo, Cattedrale di Notre-Dame, Parigi
  • Adorazione dei pastori, chiesa di Andrésy negli Yvelines
L'infanzia di Giove, Museo di Belle Arti, Troyes
  • L'infanzia di Giove, Museo di Belle Arti, Troyes

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ernst Gombrich, Dizionario della Pittura e dei Pittori, Einaudi Editore, 1997

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN51747555 · ISNI (EN0000 0000 8130 0443 · LCCN (ENnr95007456 · GND (DE12381958X · BNF (FRcb12263247z (data) · ULAN (EN500021497