Longiarù

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Longiarù
frazione
(IT) Longiarù
(DE) Campill
(LLD) Lungiarü
Longiarù – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
ProvinciaSuedtirol CoA.svg Bolzano
ComuneSan Martino in Badia-Stemma.png San Martino in Badia
Territorio
Coordinate46°41′00″N 11°54′00″E / 46.683333°N 11.9°E46.683333; 11.9 (Longiarù)Coordinate: 46°41′00″N 11°54′00″E / 46.683333°N 11.9°E46.683333; 11.9 (Longiarù)
Altitudine1 485 [1] m s.l.m.
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale39030
Prefisso0471
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT021838
Cod. catastaleE676
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Longiarù
Longiarù

Longiarù (Campill in tedesco, Lungiarü in ladino) è una frazione del comune italiano di San Martino in Badia.

È un paese rurale, adagiato in una conca, a cui vi appartengono le sottofrazioni di Miscí e Seres.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

La località Misci
La località Seres

Poderosi massicci come il gruppo del Puez, la Cresta di Longiarù, il Sass de Putia, il Gherdenaccia fanno da cornice ai ricchi boschi e prati all'ingresso nel parco naturale Puez-Odle.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

La prima denominazione accertata del paese di Longiaru risale all'anno 1312 con il nome Campil e al 1410 con il nome Campill oder Legraun[2]; sarebbe oggi pronunciato Ciampeil o Ciampei. Il nome Lung-a-ru - Lungiarü lo troviamo in documenti appena nell'anno 1831; ciò non esclude però che la popolazione abbia usato questo nome già prima.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La peculiarità che spicca maggiormente in questo paese è però il singolare modello d'insediamento abitativo: le "viles", tipici nuclei rurali di case e rustici che si richiamano ad una tradizione culturale medievale. Di particolare interesse risultano i mulini ad acqua lungo i rii di Longiarù in quanto una viva testimonianza per un tempo, in cui la popolazione locale era alquanto autarca ed economicamente indipendente.[3]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Nella letteratura in lingua ladina Longiarù viene spesso menzionata:

«L'inverno venivano giù da Puz tutto ghiacciati e si fermavano principalmente a Longiarù ed a Pezzedi; se si dava loro qualche cosa, la prendevano.»

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Fino a pochi decenni fa gli abitanti di Longiarù vivevano esclusivamente dalla rendita agraria. Più vantaggioso è invece l'allevamento del bestiame (bovini, pecore, cavalli) avvantaggiato dai prati della vallata e dai pascoli dei boschi e degli alpeggi. Anche il commercio del legname ha sempre dato il suo contributo per alleggerire la sopravvivenza dei contadini di Longiarù.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pagina del Comune → Municipio → Informazioni utili
  2. ^ Egon Kühebacher, Die Ortsnamen Südtirols und ihre Geschichte, vol. 1, Bolzano, Athesia, 1995, p. 225. ISBN 88-7014-634-0
  3. ^ Giovanni Mischi, La roda dl tëmp, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Franz Clara, Das Tiroler Bauerngeschlecht der Clara in Campill - Namendeutung und Genealogie ab 1632 über acht Generationen, in «Der Schlern», 60, 1986, pp. 392–414.
  • (LAD) Giovanni Mischi, La roda dl tëmp: morins da paur tla val da Lungiar, San Martin de Tor, Uniun Ladins Val Badia, 2002. ISBN 88-88682-00-7
  • (DE) Roswitha Asche, Larjëi - 1000 Jahre Bewirtschaftung der Lärche im Campilltal, Südtirol, San Martin de Tor, Uniun Ladins Val Badia, 2007. ISBN 978-88-88682-10-5

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Alto Adige Portale Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Alto Adige