Giovanni Battista Alton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Battista Alton o, in lingua ladina Jan Batista Alton (Colfosco, 21 novembre 1845Rovereto, 3 aprile 1900) è stato uno scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli studi a Bressanone e a Trento, si laureò in filosofia a Innsbruck nel 1870. Si dedicò all'insegnamento del latino nei ginnasi di Trento, Praga, Vienna e Rovereto. Al tempo le queste città facevano parte dell'Impero austriaco.

Scrisse dei testi, in lingua tedesca, sulle parlate neolatine delle valli dolomitiche per pubblicare poi, in italiano e ladino alcuni saggi che raccoglievano anche poesie, proverbi, racconti in lingua ladina: Proverbi, tradizioni ed aneddoti delle valli ladine orientali con versione italiana (Innsbruck 1881); Rimes ladines in pért con traduzion taliana (Innsbruck 1885); Stòries e chiánties ladines con vocabolario ladin-talian metudes in rima (Innsbruck 1895). Si occupò anche delle altre lingue romanze, in particolare dell'antico francese.

Nei suoi studi, oltre i quattro idiomi del Sella (badioto, gardenese, Fiemme e Fodom), ricomprese anche l'ampezzano.

Divenne poi rettore dell'Imperial Regio Ginnasio di Rovereto.

Morì ucciso in tragiche circostanze[1]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie
Controllo di autorità VIAF: (EN27160565 · LCCN: (ENnr2003023814 · SBN: IT\ICCU\CFIV\077361 · ISNI: (EN0000 0000 2419 2853 · GND: (DE121380637 · BNF: (FRcb12447123k (data) · NLA: (EN36415304 · BAV: ADV10228861