Lo scudo di Eracle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lo scudo di Eracle
Titolo originalein greco antico: Ἀσπὶς Ἡρακλέους
Altri titoliLo scudo
Birth of Heracles by Jean Jacques Francois Le Barbier.jpg
Nascita di Eracle (da Alcmena), Jean-Jacques-François Le Barbier
AutorePseudo-Esiodo
1ª ed. originaleVII secolo a.C.
Generepoema
Lingua originalegreco antico
Ambientazionemitologia greca

Lo scudo di Eracle (in greco antico: Ἀσπὶς Ἡρακλέους, Aspìs Hērakléous) (originariamente intitolato semplicemente Lo scudo)[1]è un poemetto greco arcaico di 480 versi esametri[1][2][3], dapprima ritenuto di Esiodo ma già da Aristofane di Bisanzio non attribuito a lui.[1] Il poema prende spunto dalla descrizione omerica dello scudo di Achille nel libro XVIII dell'Iliade. La descrizione dell'Iliade viene ripetuta tal quale, cambiandone solo una parola.

(GRC)

«ἐν δ' Ἔρις ἐν δὲ Κυδοιμὸς ὁμίλεον, ἐν δ' ὀλοὴ Κήρ
ἄλλον ζωὸν ἔχουσα νεούτατον, ἄλλον ἄουτον,
ἄλλον τεθνηῶτα κατὰ μόθον ἕλκε ποδοῖιν·
εἷμα δ' ἔχ' ἀμφ' ὤμοισι δαφοινεὸν αἵματι φωτῶν.[4]»

(IT)

«C'era Contesa, c'era Tumulto e la Parca Funesta,
che un uom teneva, or ora ferito, ed incolume un altro
e un altro, ai pie' ghermito, tirava, già morto, pel campo
e tutta rossa di sangue sugli omeri aveva la veste[5]»

(Omero, Iliade, XVIII 535-538, tr. Ettore Romagnoli)

diventa

(GRC)

«ἐν δ' Ἔρις ἐν δὲ Κυδοιμὸς ἐθύνεον, ἐν δ' ὀλοὴ Κήρ
ἄλλον ζωὸν ἔχουσα νεούτατον, ἄλλον ἄουτον,
ἄλλον τεθνηῶτα κατὰ μόθον ἕλκε ποδοῖιν·
εἷμα δ' ἔχ' ἀμφ' ὤμοισι δαφοινεὸν αἵματι φωτῶν.[6]»

(IT)

«Correva[7] Contesa, correva Tumulto e la Parca Funesta,
che un uom teneva, or ora ferito, ed incolume un altro
e un altro, ai pie' ghermito, tirava, già morto, pel campo
e tutta rossa di sangue sugli omeri aveva la veste»

(Pseudo-Esiodo, Lo scudo, 156-159, tr. adattata da E. Romagnoli)

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Pittore di Diosphos
Eracle affronta Cicno (490-480 a.C.).
Anfora proveniente da Nola.
Museo del Louvre H: 18.30cm D: 11cm

Il poema inizia con la celebrazione di Alcmena, madre di Eracle, e prosegue con la battaglia di Ercole contro Cicno, sanguinario brigante figlio di Ares, ma gran parte è dedicata alla descrizione dello scudo dell'eroe.

Da segnalare la ricerca costante dell'orrido.

Attribuzione e datazione[modifica | modifica wikitesto]

La breve premessa posta in cima all'opera nei manoscritti segnala che i versi dall'1 al 56 sono estratti dal IV libro del Catalogo delle donne, cosa che portò Aristofane di Bisanzio a supporre che l'opera non fosse davvero esioidea. La stessa premessa ci informa anche che Megacle di Atene[8], Apollonio di Rodi e Stesicoro propendevano per l'autenticità

L'ipotesi di Aristofane è stata confermata da due papiri di Ossirinco contenenti la parte del Catalogo che precede i versi 1-56 dello Scudo e i primi versi dello Scudo stesso.[9]Il testo stesso non lascia alcun dubbio

Lo Scudo, sulla base di evidenze esterne e interne, può essere datato all'inizio del VI secolo a.C. Le prime rappresentazioni del mito di Eracle e Cicno appaiono sui vasi attici verso il 565 a.C. e testimoniano una buona conoscenza dell'opera, compresi i dettagli. L'introduzione dell'opera indica come Stesicoro accettasse l'attribuzione a Esiodo. Questo poeta (autore di un Cycnos oggi perduto che riportava una tradizione differente da quella dello Scudo) operò tra il 570 e il 540 a.C. Questo pone il terminus ante quem per la composizione del poemetto verso il 570 a.C.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Perrotta.
  2. ^ Köchly e Kinkel
  3. ^ Rzach.
  4. ^ Monro e Allen
  5. ^ Iliade (trad. Romagnoli)
  6. ^ Rzach.
  7. ^ Rocci, p. 898.
  8. ^ Persona non identificata con certezza. Mazon, (nota alla Premessa dello Scudo) propone di correggere Megacle in Megacleide, identificandolo così come il peripatetico autore di un trattato Su Omero. In alternativa potrebbe trattarsi del Megacle autore di un trattato Sugli uomini illustri.
  9. ^ P. Oxy. 2355 e P.Oxy. 2494 = fr. 195 MW

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Articoli generali[modifica | modifica wikitesto]

Edizioni critiche[modifica | modifica wikitesto]

Testo omerico[modifica | modifica wikitesto]

  • Omero, Iliade, libro XVIII, in David B. Monro e Thomas W. Allen (a cura di), Homeri Opera, vol. 2, 3ª ed., Oxford, Clarendon Press.
  • Iliade, traduzione di Ettore Romagnoli, vol. 2, Bologna, Zanichelli, 1924, p. 161.

Dizionari[modifica | modifica wikitesto]

  • Lorenzo Rocci, Vocabolario greco-italiano, 3ª ed., Roma, Società editrice Dante Alighieri, 1943.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]