Lorenzo Rocci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lorenzo Rocci

Lorenzo Rocci (Fara in Sabina, 11 settembre 1864Roma, 14 agosto 1950) è stato un presbitero, grecista e lessicografo italiano, noto soprattutto come autore del primo moderno e completo Vocabolario greco-italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gesuita, si laureò in lettere presso la Regia Università di Roma nel 1890 - della commissione esaminatrice faceva parte anche il poeta Giosuè Carducci - per dedicarsi poi all'insegnamento liceale presso il Nobile Collegio Mondragone di Frascati (ove fu titolare di cattedra nel 1899, tra il 1903 e il 1920 e tra il 1939 e il 1946).

Dal completamento degli studi e fino al 1939 padre Rocci ebbe come massima occupazione la stesura di un nuovo vocabolario di greco antico, che gli richiese oltre venticinque anni di lavoro, con il solo ausilio di schede dattiloscritte e appunti[1].

L'opera tuttavia ebbe un tale successo da garantirgli la fama; tra gli altri papa Pio XII, in un messaggio autografo indirizzato personalmente allo studioso, ne lodò gli alti meriti:

«Il tuo lavoro, diletto figlio, benché altissimo per gli scolari, non è un semplice manuale scolastico, ma si presenta con tali caratteri di ampiezza e di dottrina, anche nuova e recondita, da spiccare tra quanti simili si son pubblicati finora in Italia»

La prima edizione del suo Vocabolario greco-italiano risale al 1939, la terza e ultima riveduta dall'autore è del 1943. Un'edizione completamente rielaborata, a cura di altri specialisti, è uscita, sempre presso la Società editrice Dante Alighieri, nel 2011.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

(Per le edizioni del Vocabolario greco-italiano si rimanda a tale voce)

  • Trattato di prosodia e nozioni di metrica latina. Torino, Stamperia Reale della ditta G. B. Paravia e C., 1900 (sua prima opera).
  • La metrica di Orazio dichiarata ai giovani liceali. Torino, Paravia, 1903.
  • Grammatica greca: morfologia, sintassi e dialetti. Roma, Società editrice Dante Alighieri, 1908.
  • Memorie biografiche del p. Giovanni Maria Nobili Vitelleschi d(ella) C(ompagnia) d(i) G(esù), Roma, Cooperativa tipografica Manuzio, 1908.
  • La sintassi latina. Esercizi di retroversione desunti dai classici latini con note dichiarative e con richiamo alle grammatiche dei professori Schultz, Tincani, Zenoni. Segue un prospetto della coordinazione e subordinazione. Roma, Società editrice Dante Alighieri, 1910.
  • Omero, Libro primo, secondo e terzo dell'Odissea, Traduzione letterale con ampio commento, specialmente morfologico, sintattico e dialettale, Roma, Società editrice Dante Alighieri, 1912.
  • Omero, Libro quarto, quinto e sesto dell'Odissea, Traduzione letterale, con ampio commento, specialmente morfologico, sintattico e dialettale, Roma, Società editrice Dante Alighieri, 1914.
  • Sofocle, L' Antigone, Traduzione letterale, prospetto sinottico, breve commento, Roma, Società editrice Dante Alighieri, 1916.
  • Giovanni de' c.ti Galeotti Ottieri della Ciacia sottotenente dei cavalleggeri d'Alessandria perito combattendo gloriosamente. Memorie biografiche, Roma, Tipografia pontificia nell'istituto Pio IX, 1917.
  • Vita del b. Andrea Bobola martire polacco d(ella) C(ompagnia) d(i) G(esù) descritta sul recente lavoro critico del p. Martino Czerminski e su un nuovo studio dei processi, Roma, Università gregoriana, 1924.
  • Carmina varia, Roma, Società editrice Dante Alighieri, 1926.
  • Nuove favole latine in versi senari secondo la maniera di Fedro. Roma, Società editrice Dante Alighieri, 1927.
  • Vocabolario greco-italiano, Roma, Società editrice Dante Alighieri, 1939 (Prima edizione).

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Eleonora Mazzotti, Lorenzo Rocci: il padre, il maestro, l'apostolo, Roma, Società editrice Dante Alighieri, 2015.
  • Enrico Renna, in: «Societas. Rivista bimestrale dei padri Gesuiti dell'Italia meridionale», 2002 ne ha documentato in tre puntate la vita.
  • Filippo Rizzi, Rocci, il greco tiene banco, in Avvenire, 21 giugno 2006, p. 31.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN116478965 · ISNI (EN0000 0000 8185 303X · GND (DE101434767X · BAV ADV11142633