Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Il catalogo delle donne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il catalogo delle donne
Titolo originale γυναικῶν κατάλογος
Altri titoli Eoie, Eee
Birth of Heracles by Jean Jacques Francois Le Barbier.jpg
Nascita di Eracle (da Alcmena), Jean-Jacques-François Le Barbier
Autore Esiodo
1ª ed. originale VII secolo a.C.
Genere poema
Lingua originale greco antico
Ambientazione mitologia greca

Il catalogo delle donne (greco: γυναικῶν κατάλογος, gynaikôn katalogos) è uno dei tre poemi di Esiodo[1], suddiviso in cinque libri.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Il Catalogo si lega agli ultimi versi della Teogonia, in cui il poeta invitava a cantare delle donne che si unirono a divinità. «Ed ora cantate la stirpe delle donne, o melodiose Muse d'Olimpo figlie dell'egioco Zeus»[2].

Nel I libro si illustrava infatti la storia più antica dell'umanità, quando erano comuni "le mense, comuni le adunanze, e per gli dei immortali, e per gli uomini dal destino mortale”[3]. Tuttavia, in seguito Zeus mandò un diluvio che mise fine a quell'età dell'oro e diede l'inizio all'età eroica. A questo punto, vengono ricordati i capostipiti delle tre stirpi greche: Doro, Eolo e Xuto; quindi il poeta canta le genealogie di alcuni eroi del mito.

Nel II libro, racconta le vicende di Io, rapita da Zeus, dal quale ebbe Epafo, dalla cui stirpe discenderanno Danao ed Europa, delle figlie di Danao e del ratto di Europa che partorì Radamanto, Sarpedonte e Minosse. Di quest'ultimo e della discendenza di Pelasgo si parlava nel III libro, mentre argomento del IV libro erano le genealogie degli Atlantidi, di Atreo (padre di Agamennone e Menelao) e di Alcmena, madre di Eracle. L'ultimo libro, il V, cantava la storia di Elena, fino ad arrestarsi allo scoppio della guerra di Troia[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ S. Rizzo, Premessa, in Esiodo, Le opere e i giorni, Milano, BUR, 1979, pp. 32-33.
  2. ^ Fr. 1 Arrighetti, vv. 1-2.
  3. ^ Fr. 1 Arrighetti, vv. 6-7.
  4. ^ Frr. 196-204 Arrighetti.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN177155956 · LCCN: (ENn2005023866 · BNF: (FRcb119952981 (data)