Lipotes vexillifer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Lipote
Qiqi, a Chinese River Dolphin (Baiji) 26.jpg

Qiqi, l'ultimo esemplare accertato di baiji, deceduto nel 2002 Baiji size.svg
Lipotes vexillifer

Stato di conservazione
Status none PE.svg
Critico - Probabilmente estinto[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Cetacea
Sottordine Odontoceti
Superfamiglia Lipotoidea
Famiglia Lipotidae
Genere Lipotes
Specie L. vexillifer
Nomenclatura binomiale
Lipotes vexillifer
Miller, 1918
Sinonimi

delfino dello Yangtze

Nomi comuni

baiji

Areale

Yangtze Dolphins range.jpg

Il lipote, noto anche come delfino dello Yangtze (Lipotes vexillifer Miller, 1918) o baiji (pronuncia[?·info], in cinese: 白鱀豚S, báijìtúnP), è una specie, probabilmente estinta, di delfino di acqua dolce che popolava le acque del Fiume Azzurro in Cina,[2] dichiarato estinto nel 2006.[3] Un presunto esemplare è stato avvistato nell'agosto del 2007[4], ma resta il dubbio che si trattasse di una neofocena[5]. È l'unica specie del genere Lipotes e della famiglia Lipotidae.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

L. vexillifer

Ha un corpo tozzo delle dimensioni di un uomo. Come altri delfini di fiume possiede occhi molto piccoli e un rostro lungo e stretto. A distanza, il colore della livrea appariva bianco o grigio, ma da vicino è grigio-bluastro scuro sul dorso per sfumare al bianco-grigiastro sul ventre. La pinna dorsale, di forma triangolare, è bassa, mentre quelle pettorali sono larghe e talvolta arrotondate.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Lianlian e Zhenzhen, due delfini dello Yangtze[6]

È più attivo dal crepuscolo all'alba. Chi ha avuto la fortuna di incontrarlo riferisce di aver avvistato esemplari solitari o in gruppi al massimo di 6 individui alla confluenza dei fiumi, soprattutto in prossimità di bassi sbarramenti di sabbia. La specie è tranquilla, riservata e difficile da avvicinare. In condizioni di riposo il soffio può essere avvertito come una sorta di squillante starnuto, ed è difficile da distinguere da quello della neofocena, l'unico altro cetaceo che vive nell'areale del lipote. I cetacei avvistati nel Fiume Azzurro molto spesso sono infatti neofocene, più numerose e più facili da vedere e da avvicinare.

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Lipote ucciso dal naturalista Charles M. Hoy nel 1914
Sforzi di conservazione del baiji nelle acque del Fiume Azzurro

Negli anni '50, la popolazione stimata era di circa 6000 individui,[7] ma declinò rapidamente ni cinquant'anni successivi, con una popolazione ridotta a poche centinaia di individui negli anni '70. La popolazione si ridusse ulteriormente a 400 individui negli anni 80, quindi a 13 nel 1997. L'ultimo baiji avvistato con certezza risale al 2004, sebbene sia stato segnalato un possibile ulteriore avvistamento nel 2007. È considerata una specie a rischio critico di estinzione dal Governo statunitense secondo l'Endangered Species Act, ma si ritiene attualmente estinto.

Cause del declino[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Fiume Azzurro.

La World Conservation Union (IUCN) ha individuato i seguenti fattori come causa del declino della specie: un periodo di intensa caccia da parte dell'uomo durante il cosiddetto Grande Balzo in avanti, la cattura accidentale nelle reti da pesca, la pratica illegale della pesca elettrica, gli impatti con le imbarcazioni, la distruzione dell'habitat, e l'inquinamento. Ulteriori studi hanno evidenziato che una mancanza di informazioni sulla distribuzione storica e l'ecologia del baiji, l'impatto ambientale della costruzione della Diga delle Tre Gole nell'habitat dell'animale, e il fallimento delle relative leggi volte a proteggere la specie ne abbiano ulteriormente facilitato il declino.[8]

Durante il grande balzo in avanti, quando venne meno la venerazione tradizionale del baiji, fu cacciato per la sua carne e la sua pelle, e divenne rapidamente raro.[9]

Con lo sviluppo economico della Cina, la pressione sul delfino di fiume è aumentata in modo significativo. I rifiuti industriali e residenziali confluivano nello Yangtze. Il letto del fiume è stato dragato e rinforzato con cemento in molti punti. Il traffico navale si è moltiplicato, le barche sono cresciute di dimensioni ei pescatori hanno utilizzato reti più larghe e letali. L'inquinamento acustico ha fatto scontrare l'animale quasi cieco con le eliche. Gli stock di prede del delfino sono diminuiti drasticamente alla fine del XX secolo, con alcune popolazioni ittiche che sono scese a un millesimo dei loro livelli preindustriali.[10]

Una serie di cause guidate dall'uomo (ad esempio collisioni di barche, costruzione di dighe) che minacciano anche i cetacei d'acqua dolce in altri sistemi fluviali, sono state implicate nel declino della popolazione di baiji. Tuttavia, il fattore principale è stato probabilmente l'insostenibile attività della pesca locale, che utilizza ami rotanti, rete da posta e la pesca elettrica; analogamente le catture accessorie costituiscono la principale causa di mortalità in molte popolazioni di piccoli cetacei a livello mondiale. Sebbene siano disponibili relativamente pochi dati sulla mortalità dei baiji, almeno la metà di tutti i decessi di baiji noti negli anni '70 e '80 sono stati causati da ami rotanti e altri attrezzi da pesca e l'elettropesca ha rappresentato il 40% dei decessi di baiji registrati durante gli anni '90. A differenza della maggior parte delle estinzioni di epoca storica di animali di grossa taglia, il baiji non è stato vittima di persecuzioni attive ma di mortalità accidentale derivante da impatti ambientali umani su vasta scala, principalmente a causa della pesca incontrollata.[11]

La sua estinzione riflette semplicemente l'ultima fase del progressivo deterioramento ecologico della regione dello Yangtze. Negli anni '70 e '80, circa la metà delle morti di baiji è stata attribuita all'impigliamento in attrezzi da pesca e reti. All'inizio degli anni 2000, la pesca elettrica era considerata "la minaccia diretta più importante e immediata alla sopravvivenza del baiji".[9] Sebbene fuorilegge, questa tecnica di pesca è ampiamente e illegalmente praticata in tutta la Cina. La costruzione della Diga delle Tre Gole ridusse ulteriormente l'habitat del delfino e favorì un aumento del traffico navale; si pensava che questi lo rendessero estinto in natura.

Ci sono alcuni scienziati che hanno scoperto che l'inquinamento ha portato a malattie emergenti causate da infezioni parassitarie nella popolazione Baiji. La dipendenza del Baiji dagli ambienti acquatici potrebbe aver provocato l'interazione con i rischi di agenti patogeni sia terrestri che marini. Poiché il Baiji ha una distribuzione endemica limitata nel fiume Yangtze, l'ambiente di acqua dolce può avere un livello di agenti patogeni più elevato rispetto alle acque marine (sebbene debbano ancora essere condotti studi ambientali sistematici). I patogeni in queste acque potrebbero portare a infezioni virali che possono sfociare in epizoozie, che negli ultimi vent'anni hanno causato la morte di migliaia di mammiferi marini. Ci sono stati anche individui catturati/uccisi che hanno avuto infestazioni da elminti nello stomaco, il che porta gli scienziati a credere che le infezioni parassitarie potrebbero essere un'altra causa di declino tra i Baiji. È stato notato, tuttavia, che l'area geografica in declino in cui sono stati individuati i baiji non è collegata alla perdita di popolazione di baiji. Un modello fornito dalle comunità di pescatori dello Yangtze mostra che la popolazione baiji non era collegata dall'area geografica o dalla frammentazione della posizione, poiché i baiji effettuano movimenti a lungo termine e periodici per diversi anni. I movimenti del baiji lasciarono la specie inalterata dalla diminuzione dell'area geografica.[12]

Ricerche[modifica | modifica wikitesto]

Risultati delle indagini sui baiji del fiume Yangtze tra il 1979 e il 1996[13]
Anno Area esplorata N. di km esplorati N. di baiji avvistati N. di baiji stimato
1979[14] Wuhan-Chenglingji 230 19
1979[15] Nanjing-Taiyangzhou 170 10
1979–1981[16] Nanjing-Guichi 250 3–6 groups 400
1978–1985[17] Yichang-Nantong 1600 >20 groups 156
1985–1986[18] Yichang-Jiangyin 1510 42 groups 300
1979–1986[19] Fujiangsha-Hukou 630 78–79 100*
1987–1990[20] Yichang-Shanghai 1669 108 200
1989–1991[21][22] Hukou-Zhenjian 500 29 120
1991–1996[23] Xinchang-Wuhan 413 42 < 10

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Smith, B.D., Wang, D., Braulik, G.T., Reeves, R., Zhou, K., Barlow, J. & Pitman, R.L. 2017, Lipotes vexillifer, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020. URL consultato il 1º giugno 2019.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Lipotes vexillifer, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ A freshwater dolphin found only in China is "effectively extinct", an expedition has declared following a fruitless six-week search, su news.bbc.co.uk, BBC news. URL consultato il 13 dicembre 2006.
  4. ^ Cina, nuove speranze per il delfino bianco: "Non è estinto: avvistato un esemplare", in la Repubblica, 30 agosto 2007. URL consultato il 17 giugno 2008.
  5. ^ Il ritorno del delfino di fiume? Improbabile, in National Geographic Italia, 12 ottobre 2016. URL consultato il 13 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 14 maggio 2018).
  6. ^ (EN) Kaiya Zhou e Xingduan Zhang, Baiji: The Yangtze River Dolphin and Other Endangered Animals of China, traduzione di Luo Changyuan, Nanchino, Yilin Press, 1991, ISBN 0-913276-56-1, OCLC 24064736.
  7. ^ Rescue Plan Prepared for Yangtze River Dolphins, in China Daily, 11 luglio 2002. URL consultato il 18 dicembre 2006.
  8. ^ Mark Jerome Walters, Who speak for the baiji?, in Animals, vol. 126, n. 6, EBSCO, novembre 1993, p. 6.
  9. ^ a b B. D. Smith, K. Zhou, D. Wang, R. R. Reeves, J. Barlow, B. L. Taylor e R. Pitman, Lipotes vexillifer, vol. 2008, 2008, p. e.T12119A3322533, DOI:10.2305/IUCN.UK.2008.RLTS.T12119A3322533.en. URL consultato il 29 agosto 2016.
  10. ^ Last Chance for China's Dolphin, in BBC News, 27 giugno 2006. URL consultato il 27 giugno 2006 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2006).
  11. ^ Turvey, S.T., Rovbert, P.L., Taylor, B.L., Barlow, J., Akamatsu, T., Barrett, L.A., Zhao, X., Reeves, R. R., Stewart, B.S., Wang, K., Wei, Z., Zhang, X., Pusser, L.T., Richlen, M., Brandon, J.R. e Wang D., First human-caused extinction of a cetacean species?, in Biology Letters, vol. 3, n. 5, 2007, pp. 537–540, DOI:10.1098/rsbl.2007.0292, PMC 2391192, PMID 17686754.
  12. ^ Samuel T. Turvey, Leigh A. Barrett, Tom Hart, Ben Collen, Hao Yujiang, Zhang Lei, Zhang Xinqiao, Wang Xianyan, Huang Yadong, Zhou Kaiya e Wang Ding, Spatial and temporal extinction dynamics in a freshwater cetacean, in Proceedings of the Royal Society B: Biological Sciences, vol. 277, n. 1697, Royal Society, 22 ottobre 2010, pp. 3139–3147, DOI:10.1098/rspb.2010.0584, JSTOR 20780101, PMC 2982057, PMID 20484234.
  13. ^ Report of the Workshop on Conservation of the Baiji and Yangtze Finless Porpoise (PDF), su iucn-csg.org. URL consultato il 10 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  14. ^ P. Chen, Liu, P., Liu, R., Lin, K. e Pilleri, G., Distribution, ecology, behaviour and protection of the dolphins in the middle reaches of the Changjiang River (Wuhan-Yueyang), in Oceanologica Limnologia Sinica, vol. 11, 1980, pp. 73–84.
  15. ^ K. Zhou, Pilleri, G. e Li, Y., Observations on baiji (Lipotes vexillifer) and finless porpoise (Neophocaena asiaorientalis) in the lower reaches of the Chiang Jiang, in Scientia Sinica, vol. 23, n. 6, 1980, pp. 785–795, PMID 7414316.
  16. ^ K. Zhou, Y. Li, M. Nishiwaki e T. Kataoka, A brief report on observations of the baiji (Lipotes vexillifer) in the lower reaches of the Yangtze River between Nanjing and Guichi, in Acta Theriologica Sinica, vol. 2, 1982, pp. 253–254.
  17. ^ K. Lin, P. Chen e Y. Hua, Population size and conservation of Lipotes vexillifer, in Acta Zoologica Sinica, vol. 5, 1985, pp. 77–85.
  18. ^ Chen, P. & Hua, Y. (1989) "Distribution, population size and protection of Lipotes vexillifer", pp. 78–81 in W.F. Perrin, R. L. Brownell, Jr., K. Zhou and J. Liu (eds.) Biology and conservation of the river dolphins. Occasional Papers of the IUCN Species Survival Commission, No. 3.
  19. ^ Zhou, K. and Li, Y. (1989). "Status and aspects of the ecology and behaviour of the baiji (Lipotes vexillifer) in the lower Yangtze River", pp. 86–91 in W. F. Perrin, R. L. Brownell Jr., K. Zhou and J. Liu (eds.) Biology and conservation of the river dolphins. IUCN Species Survival Commission Occasional Paper 3.
  20. ^ P. Chen, X. Zhang, Z. Wei, Q. Zhao, X. Wang, G. Zhang e J. Yang, Appraisal of the influence upon baiji, Lipotes vexillifer by the Three-gorge Project and conservation strategy, in Acta Hydrobiologica Sinica, vol. 17, 1993, pp. 101–111.
  21. ^ K. Zhou, J. Sun e A. Gao, Photo-identification and population monitoring of the baiji (Lipotes vexillifer) on the lower Yangtze, in Working Paper Presented to Baiji Population and Habitat Viability Workshop, Nanjing, China. June 1–4, 1993, 1993.
  22. ^ K. Zhou, Sun, J. e Gao, A., The population status of the baiji in the lower reaches of the Yangtze, in Working Paper Presented to Baiji Population and Habitat Viability Workshop, Nanjing, China. June 1–4, 1993, 1993.
  23. ^ D. Wang, X. Zhang e R. Liu, Conservation status and the future of baiji and finless porpoise in the Yangtze River of China, in Report on the Eight International Symposium on River and Lake Environments. ISRLE'96, Wuhan, China., 1998.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85077313 · J9U (ENHE987007531578305171
  Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi