Lingua minoritaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

🌏🌐🗾🌋 Con il termine di lingua minoritaria ci si riferisce ad una lingua materna parlata da una comunità linguistica che non costituisce una realtà numericamente dominante rispetto a una data società o nazione. Si trovano quindi in una situazione di minoranza rispetto a un'altra lingua che normalmente è la lingua più prestigiosa e riconosciuta come lingua ufficiale. Una lingua minoritaria in uno Stato può essere maggioritaria in un altro: un caso estremo è il catalano, idioma ufficiale ad Andorra, ma solo "lingua co-ufficiale" in Spagna (Catalogna, Comunità Valenzana, Isole Baleari).

Esiste il pericolo che la lingua minoritaria sia assorbita dalla "lingua principale" (si parla infatti di "lingue in pericolo")[1], fino a diventare una lingua estinta qualora non vi fossero più parlanti nativi. Un esempio di lingua in pericolo è il friulano parlato soprattutto nella provincia di Udine.

Ad esempio, l'italiano è lingua di maggioranza nel Veneto, dove il ladino è lingua minoritaria ed il veneto è lingua regionale (ancorché non riconosciuta dallo stato italiano), mentre nell'Istria il veneto è lingua minoritaria rispetto al croato.

Europa[modifica | modifica wikitesto]

Esempi di lingue minoritarie in Europa sono il bretone, il leonese e il sardo. Esiste una Carta europea per le lingue regionali o minoritarie (ECRML) come trattato (CETS 148) preso nel 1992 per il Consiglio di Europa[2], che le definisce così:

«Con "lingue regionali o minoritarie" si intendono le lingue usate tradizionalmente sul territorio di uno Stato dai cittadini di detto Stato che formano un gruppo numericamente inferiore al resto della popolazione dello Stato e diverse dalla lingua ufficiale di detto Stato.»

La Carta europea riconosce il diritto a praticare una lingua minoritaria nell'ambito della giustizia, della pubblica amministrazione, della cultura e in tutti gli altri aspetti della vita sociale[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Atti del XXXVIII Congresso internazionale di studi della Società di linguistica italiana (SLI) Modena, 23-25 settembre 2004
  2. ^ CETS 148, conventions.coe.int. URL consultato il 18 gennaio 2011.
  3. ^ Regionalismi e integrazione europea

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4132313-0
Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Linguistica