Lindsey Jacobellis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lindsey Jacobellis
Lindsey Jacobellis.jpg
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 168 cm
Peso 64 kg
Snowboard Snowboarding pictogram.svg
Specialità Snowboard cross, halfpipe
Palmarès
Olimpiadi 0 1 0
Mondiali 6 0 1
Mondiali juniores 2 0 0
Coppa del Mondo di snowboard cross 2 trofei
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 4 febbraio 2019

Lindsey Jacobellis (Danbury, 19 agosto 1985) è una snowboarder statunitense, che ha partecipato a quattro edizioni dei Giochi olimpici nello snowboard cross, vincendo una medaglia d'argento alle Olimpiadi di Torino 2006. Ha inoltre vinto sei medaglie d'oro mondiali.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Le quattro olimpiadi[modifica | modifica wikitesto]

Durante la finale di snowboard cross ai Giochi olimpici di Torino 2006, la Jacobellis, apprestandosi a concludere la gara con l'ampio vantaggio di 43 metri (equivalenti a tre secondi) sulla svizzera Tanja Frieden, eseguì un'acrobazia durante il penultimo salto, ma atterrò male e cadde. La svizzera riuscì a sorpassarla e a vincere la medaglia d'oro, mentre la Jacobellis, rialzatasi, ottenne l'argento. Alle interviste televisive la Jacobellis inizialmente dichiarò che l'acrobazia era stata compiuta per mantenere la stabilità, ma in seguito ammise che non era necessaria: "Mi stavo divertendo, lo snowboard è divertimento, e volevo condividere il mio entusiasmo col pubblico".[1][2][3][4]

Alle Olimpiadi di Vancouver 2010 la Jacobellis in semifinale inforcò una porta del tracciato, cosa che la portò alla squalifica. Alle Olimpiadi di Soči 2014, mentre era in testa durante la semifinale, perse l'equilibrio e cadde, trovandosi così costretta al ritiro. Infine, alle Olimpiadi di Pyeongchang 2018, arrivò quarta in finale, a soli due centesimi dal bronzo.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Olimpiadi[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica wikitesto]

Data Luogo Paese Disciplina
5 gennaio 2004 Bad Gastein Austria Austria SBX
26 febbraio 2004 Jōetsu Giappone Giappone SBX
27 febbraio 2004 Jōetsu Giappone Giappone SBX
28 febbraio 2004 Jōetsu Giappone Giappone HP
6 marzo 2004 Mount Bachelor Stati Uniti Stati Uniti SBX
17 settembre 2004 Valle Nevado Cile Cile SBX
6 marzo 2005 Lake Placid Stati Uniti Stati Uniti SBX
17 settembre 2005 Valle Nevado Cile Cile SBX
8 marzo 2007 Lake Placid Stati Uniti Stati Uniti SBX
11 marzo 2007 Lake Placid Stati Uniti Stati Uniti SBX
26 settembre 2007 Valle Nevado Cile Cile SBX
18 gennaio 2008 Bad Gastein Austria Austria SBX
1º marzo 2008 Lake Placid Stati Uniti Stati Uniti SBX
7 marzo 2008 Stoneham Canada Canada SBX
13 settembre 2008 Chapelco Argentina Argentina SBX
11 gennaio 2009 Bad Gastein Austria Austria SBX
13 febbraio 2009 Cypress Canada Canada SBX
19 febbraio 2009 Stoneham Canada Canada SBX
13 marzo 2009 La Molina Spagna Spagna SBX
10 gennaio 2010 Bad Gastein Austria Austria SBX
12 marzo 2010 Valmalenco Italia Italia SBX
17 febbraio 2011 Stoneham Canada Canada SBX
18 marzo 2011 Valmalenco Italia Italia SBX
16 dicembre 2011 Telluride Stati Uniti Stati Uniti SBX
19 gennaio 2012 Veysonnaz Svizzera Svizzera SBX
21 gennaio 2012 Veysonnaz Svizzera Svizzera SBX
21 dicembre 2013 Lake Louise Canada Canada SBX
10 settembre 2017 Cerro Catedral Argentina Argentina SBX
13 dicembre 2017 Val Thorens Francia Francia SBX
21 dicembre 2018 Breuil-Cervinia Italia Italia SBX

Mondiali juniores[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Olympics on Yahoo! Sports – News, Scores, Standings, Rumors, Fantasy Games [collegamento interrotto], su sports.yahoo.com.
  2. ^ (EN) Eric Gaillard, Jacobellis loses shot at gold with stumble, MSNBC, 17 febbraio 2006. URL consultato il 16 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2010).
  3. ^ (EN) Sally Jenkins, Jacobellis Biffs It[collegamento interrotto], Washington Post, 18 febbraio 2006.
  4. ^ (EN) Copia archiviata, su nbcsports.msnbc.com. URL consultato il 17 febbraio 2010 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2010).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN14243730 · ISNI (EN0000 0000 4014 0682 · LCCN (ENn2008051012 · WorldCat Identities (ENn2008-051012