Laura Kipnis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Laura Kipnis (1956) è una sociologa, saggista, critica d'arte e teorica e critica della cultura contemporanea statunitense. È anche videoartista e insegna Comunicazione di massa alla Northwestern University di Chicago.

Nei suoi lavori, con uno stile ironico e diretto, propone rivoluzionarie analisi critiche della cultura contemporanea, che hanno sempre suscitato polemiche negil Stati Uniti. I temi ricorrenti sono la sessualità (corpo, amore, pornografia, adulterio, scandalo), il razzismo, il capitalismo e mass media, con particolare riflessione su quali ideologie politiche li caratterizzano.

Nel pamphlet Contro l'amore (Einaudi, 2005), critica i miti dell'amore romantico e del matrimonio, quest'ultimo descritto come un'illusione che diventa un enorme mezzo di controllo, che porta alla perdita di ogni libertà. In alternativa l'autrice sostiene invece i piaceri derivanti dal gesto rivoluzionario dell'adulterio.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Against love, Pubblicato in italia come Contro l'amore. (2005, Einaudi) [1]
  • «Bound and Gagged: Pornography and the Politics of Fantasy in America» (dedicato alla pornografia)
  • «Reconsidered: Toward A Left Popular Culture» del 1986
  • «Feminism: The Political Conscience of Postmodernism?» del 1988
  • Laura Kipnis (1993). Ecstasy Unlimited: On Sex, Capital, Gender & Aesthetics. Minnesota (a collection of essays and videoscripts).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]