Lasius

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lasius
Lasius Niger.jpg
Lasius niger
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Protostomia
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Hymenopteroidea
Ordine Hymenoptera
Sottordine Apocrita
Sezione Aculeata
Superfamiglia Vespoidea
Famiglia Formicidae
Sottofamiglia Formicinae
Tribù Lasiini
Genere Lasius
Fabricius, 1804
Specie
  • vedi testo

Lasius Fabricius, 1804 è un genere di formiche appartenente alla sottofamiglia Formicinae. Le 106 specie appartenenti a questo genere sono diffuse nelle aree a clima temperato dell'emisfero settentrionale, in particolare dell'Europa centrale e dell'America settentrionale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Operaie[modifica | modifica wikitesto]

Come in molte altre formicine, le operaie di Lasius sono monomorfiche. Esse sono caratterizzate da un peziolo conico di dimensioni ridotte, più basso dell'epinoto ed unito alla parte anteriore dell'addome. Il capo, di forma ovale, presenta un margine occipitale concavo ed un clipeo ed una fronte prominenti, mentre il torace, alto, irregolare e corto, presenta un pronoto rialzato rispetto all'epinoto, e separato da questo da un mesonoto convesso facilmente distinguibile. Le antenne sono costituite da 11 funicoli e, in alcune specie, presentano una parte terminale leggermente ingrossata, mentre le mandibole, piccole e leggermente distaccate dalla sommità dell'apparato boccale, presentano 6 denti all'estremità. L'addome, di forma ovale e suddiviso in 4 o 5 sezioni da bande circolari, più o meno spesse, è apopuntito all'estremità ed è di dimensioni leggermente maggiori rispetto al resto del corpo. Le zampe, corte e sottili, presentano coxe ingrossate.

Regine e maschi[modifica | modifica wikitesto]

Le regine di Lasius sono molto più grandi delle operaie. Esse sono caratterizzate dalla presenza di ocelli generalmente poco sviluppati e da un torace alto, presentante un pronoto unito al mesonoto ed un epinoto abbassato rispetto a questi. L'addome, di aspetto voluminoso, è suddiviso in 4 o 5 sezioni, come nelle operaie. I maschi, di dimensioni minori rispetto a quelle delle operaie, presentano ocelli sviluppati sul loro capo di forma vagamente triangolare, e sono caratterizzati da un addome avente una parte posteriore allungata.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Le colonie di Lasius superano generalmente i 100.000 esemplari adulti. Esse nidificano in ambienti ricchi di vegetazione, costruendo il nido nel terreno o, più raramente, in alcune specie, all'interno del tronco o delle radici degli alberi. Le operaie raccoglitrici, che raccolgono il cibo autonomamente, si nutrono principalmente della melata prodotta da emitteri parassiti delle piante, quali afidi e cocciniglie, con i quali vivono in simbiosi, proteggendoli dai predatori e curandone la distribuzione sulle piante nell'ambiente esterno al nido. Le operaie immagazzinano i liquidi zuccherini che assimilano dalle secrezioni degli emitteri nell'addome semi-estensibile, per poi, all'interno del nido, distribuirli alle compagne per trofallassi (rigurgito del cibo dall'ingluvie). Le colonie entrano in letargo in alcuni mesi invernali. Le sciamature (dispersione dei maschi e delle giovani regine dal nido per l'accoppiamento e per la fondazione di nuove colonie) avvengono in estate.

Alcune specie di Lasius sono parassite sociali facoltative, in quanto praticano la dulosi nei confronti di altre specie appartenenti allo stesso genere, e ricorrono all'usurpazione (vedi "dulosi" od il paragrafo relativo nella voce "Formicidae") per fondare nuove colonie.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Il genere Lasius comprende un centinaio di specie suddivise in sei sottogeneri:[1]

  • Sottogenere Lasius
    • ...
  • Sottogenere Acanthomyops
    • ...
  • Sottogenere Dendrolasius
    • ...
  • Sottogenere Chthonolasius
    • ...
  • Sottogenere Cautolasius
    • ...
  • Sottogenere Austrolasius
    • ...

Alcune specie[modifica | modifica wikitesto]

  • Lasius alienus, diffusa in tutta Europa e in Nord America;
  • Lasius claviger [2], diffusa in America settentrionale, nota per le secrezioni di sostanze di odore simile a quello della citronella, che usano per mettere in fuga le operaie delle colonie parassitate, così da poter prendere larve da schiavizzare; colorazione arancione;
  • Lasius californicus, diffusa in California, ha colore arancione.[2];
  • Lasius emarginatus, diffusa in Europa ha un colore rossastro con la testa e l'addome più scuri.
  • Lasius flavus, diffusa in Europa ed in America settentrionale, presenta colonie che vengono fondate da più regine, ma che poi tornano ad avere una sola regina in quanto le colonie stesse successivamente si separano l'una dall'altra; colorazione gialla.
  • Lasius fuliginosus, parassita sociale di Lasius umbratus; colorazione nera;
  • Lasius neglectus, specie originaria dell'Asia minore, introdotta accidentalmente dall'uomo in molti stati;
  • Lasius niger, nota anche con i nomi comuni di "formica nera" o "formica nera dei giardini", è diffusa in Asia, in Europa ed in America settentrionale; colorazione nero-bruna;
  • Lasius pallitarsis, diffusa in America settentrionale, che nidifica all'interno del tronco degli alberi costruendo nidi di grandi dimensioni; colorazione rossa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Genus: Lasius, in AntWeb. URL consultato il 15 febbraio 2012.
  2. ^ a b In passato attribuito al genere Acanthomyops, oggi considerato un sottogenere di Lasius.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]