La nave dei mostri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La nave dei mostri
Titolo originaleLa nave de los monstruos
Paese di produzioneMessico
Anno1960
Durata82'
Dati tecniciB/N
Generecommedia, fantascienza
RegiaRogelio A. González
SoggettoJosé María Fernández Unsáin
SceneggiaturaAlfredo Varela
ProduttoreHeberto Dávila Guajardo, Alberto Hernández Curiel, Jesús Sotomayor Martínez
FotografiaRaúl Martínez Solares
MontaggioCarlos Savage
Effetti specialiJuan Muñoz Ravelo
MusicheSergio Guerrero
ScenografiaJavier Torres Torija
CostumiJulio Chávez
TruccoRosa Guerrero
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La nave dei mostri (La nave de los monstruos) è un film messicano del 1960 direttoda Rogelio A. González. Si tratta di una bizzarra commistione di fantascienza e commedia ranchera.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La regina di Venere invia in missione nell'universo due formose astronaute, Gamma e Beta, affinché ne riportino esemplari maschi, per ripopolare il pianeta rimasto a corto di uomini.

Le due donne, che nel viaggio sono accompagnate dal robot Tor, finiscono sulla Terra, mettono gli occhi sul "charro" Lauriano e subito se ne innamorano. Gamma è buona e dolce, ma Beta è fatta di ben altra pasta e vorrebbe Lauriano tutto per sé (forse intende anche ucciderlo essendo lei una vampira). E quando Gamma la contrasta, Beta, pur di disfarsi della rivale e avere ragione di Lauriano, libera dall'astronave quattro mostri (Uk il ciclope bavoso, Utirr una creatura aracniforme, Tagual l'omino di Marte e Zok lo scheletro vivente).

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola fu girata nell'aprile-maggio 1959 (riprese iniziate il 20 aprile) negli Studi Churubusco.

Accoglienza e distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

L'anteprima messicana del film si tenne il 22 gennaio 1960 al cinemex Palacio Chino di Città del Messico. In Italia invece, fu distribuito dalla I.F.I. nel 1961. Praticamente ignorato nel periodo della sua prima uscita, nel corso degli anni è diventato per molti un piccolo film culto.

Quanto al doppiaggio, esso venne affidato alla CID (Compagnia Italiana Doppiatori) e la voce italiana del charro Lauriano era quella di Raffaele Pisu, allora celebre anche per le sue partecipazioni a note trasmissioni televisive (come L'amico del giaguaro del 1961).

Nel 2011 il film è stato distribuito in italiano in DVD per la Sinister Cinema.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora originale è opera di Sergio Guerrero. Durante il film, Eulalio González canta le seguenti canzoni, scritte da lui stesso: Estrella del Deseo, Nace el Amor, Levantando Polvareda e La Embarcación. Inoltre, durante la sequenza ambientata nella grotta, egli canta e balla insieme alla Velázquez il celebre cha-cha-cha Eso es el amor del 1958.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]