La Grenouillère

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Grenouillère
La Grenouillère
Autore Pierre-Auguste Renoir
Data 1869
Tecnica olio su tela
Dimensioni 66×81 cm
Ubicazione Nationalmuseum, Stoccolma

La Grenouillère è un olio su tela (66x81 cm) realizzato nel 1869 dal pittore francese Pierre-Auguste Renoir. È conservato nel Nationalmuseum[1] di Stoccolma.

La Grenouillère era uno dei più celebri ritrovi della borghesia parigina, sulle rive della Senna. Il termine significa letteralmente “stagno delle rane” ma, nel francese parlato, indica anche un luogo dove si riuniscono tante ragazze desiderose di divertirsi. Renoir usa, come nel suo stile, colori vivaci e squillanti che donano al dipinto un'atmosfera allegra e festosa. Le pennellate sono minute e veloci, e definiscono le figure umane distinguendole dallo sfondo ma, allo stesso tempo, fondendole con esso. L'acqua, soggetto molto studiato dagli Impressionisti, è resa attraverso diverse gradazioni di colore conferendole così un aspetto dinamico e vivace. Renoir, fedele all'orientamento impressionista, non dipinge nessun ombra nera poiché non lo considera un colore; i toni più scuri non sono quindi formati dall'aggiunta di nero nel colore puro, bensì creando una diversa gradazione di quest'ultimo. Renoir decide di dipingere questo soggetto insieme all'amico Monet, e ne derivano due dipinti differenti per molti aspetti: la tela di Monet, mostra la ricerca da parte del suo autore di cogliere gli effetti luminosi attraverso i colori. La leggera increspatura dell'acqua è resa infatti dall'azzurro, dal rosa, dall'ocra e dal bianco. Le figure che invece, a differenza di quanto mostra Renoir, non interessano in questo caso a Monet, sono rappresentate come pure e semplici masse grezze di colore. Renoir al contrario cura la forma e la corretta dimensione delle figure, dando meno importanza al colore rispetto a Monet, definendo in modo più approssimativo le increspature del fiume.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda del dipinto dal sito del Nationalmuseet, nationalmuseum.se. URL consultato il 09-02-2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]