Paul Durand-Ruel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Finalmente i maestri dell'Impressionismo trionfavano come avevano trionfato quelli del 1830. La mia follia era stata saggezza. E dire che se fossi morto a sessant'anni, sarei morto gonfio di debiti e insolvente, in mezzo a tesori misconosciuti. »
(Paul Durand-Ruel[1])
Durand-Ruel ritratto da Renoir (1910)

Paul Durand-Ruel (Parigi, 31 ottobre 1831Parigi, 5 febbraio 1922) è stato un imprenditore francese.

Fu tra i più fervidi sostenitori dei pittori impressionisti come Monet, Renoir, Pissarro, Moret e Sisley. Aprì una galleria d'arte a Parigi (16 rue Laffitte) e Londra.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il padre, Jean Durand, e la madre, Marie Ruel, possedevano un negozio a Parigi, dove venivano esposti disegni tra cui quelli di Eugène Delacroix. Jean Durand si occupava della vendita. Il loro negozio diventò rapidamente un punto di incontro per artisti e collezionisti, trasformandosi poi in una vera e propria galleria d'arte.

« Nei primi anni Settanta dell'Ottocento, Paul Durand aveva iniziato con i pittori della cosiddetta Scuola di Barbizon, i quali rispondevano al gusto degli acquirenti del tempo, ma presto si accorse dell'eccezionalità d'alcuni giovani artisti, convinti che non si dovesse rappresentare solo la natura nella sua realtà, ma piuttosto cogliere l'attimo del particolare momento in cui questa è osservata, con tutti i cambiamenti, anche drammatici, provocati dall'atmosfera, i colori, la luce. Avevano in comune soltanto l'essere stati rifiutati dai Salon Parigini e, quindi, dai borghesi acquirenti; Durand-Ruel li trasformò in un gruppo. Tra il 1891 e il 1922, Durand comprò circa 12 mila opere di Monet, Manet, Pissarro, Degas, Renoir, Mary Cassat ecc. e per lunghi anni è stato il solo a farlo. Di lui disse Monet: « senza Durand saremo morti di fame tutti noi impressionisti, gli dobbiamo tutto ».[2] »

Dall'ottobre 2014 al febbraio 2015, il Museo del Lussemburgo (Parigi) gli ha dedicato la grande mostra Paul Durand-Ruel. Le pari de l'impressionnisme.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il secolo lungo della modernità. Il museo immaginato - Philippe Daverio
  2. ^ da: L'ARTE LA VITA e un pizzico di Van Gogh di Lorenzo Pacini
  3. ^ (FR) Paul Durand-Ruel. Le pari de l'impressionnisme, su RMN - Grand Palais. URL consultato il 16 febbraio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN121648686 · LCCN: (ENn50052610 · ISNI: (EN0000 0001 1580 8529 · GND: (DE12470929X · BNF: (FRcb12531344m (data)