L'uccellino azzurro (Maeterlinck)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'uccellino azzurro
Opera teatrale in sei atti e dodici quadri
Mytyl e Tytyl interpretati da Alisa Koonen e Sofya Khalyutina
Mytyl e Tytyl interpretati da Alisa Koonen e Sofya Khalyutina
Autori Maurice Maeterlinck
Titolo originale L'Oiseau bleu
Lingue originali Francese
Prima assoluta 30 settembre 1908
Teatro d'Arte di Mosca
Prima rappresentazione italiana 1979
 

L'uccellino azzurro (L'Oiseau bleu) è un'opera teatrale del commediografo belga Maurice Maeterlinck, rappresentata per la prima volta il 30 settembre 1908 al Teatro d'Arte di Mosca sotto la regia di Konstantin Sergeevič Stanislavskij. L'opera ebbe un seguito, scritto sempre da Maeterlinck, dal titolo L'uccellino azzurro e il fidanzamento.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

I protagonisti sono i poveri Tytyl e Mytyl, fratello e sorella, che lavorano come taglialegna. Una notte nella loro camera da letto i due ricevono la visita della fata Berylune, che chiede loro di aiutarla a trovare l'uccellino azzurro della felicità, l'unico modo per guarire la sua nipotina, gravemente malata. Durante il viaggio in un mondo fantastico, i due fratelli ritroveranno i loro nonni morti da tempo, il loro fratellino non ancora nato ed altri personaggi, tra cui la Luce, il Fuoco, il Pane, lo Zucchero, il Cane e il Gatto. Quest'ultimo pur di salvarsi la vita tenterà, con l'aiuto della Notte e degli spiriti degli alberi e degli animali, di uccidere i due protagonisti.

La strega, interpretata da Maria Germanova.

Cast (1908)[modifica | modifica wikitesto]

Cast parziale della prima messa in scena:

Adattamenti[modifica | modifica wikitesto]

Il compositore Albert Wolff scrisse un adattamento dell'opera di Maeterlinck dal titolo The Blue Bird, eseguito per la prima volta con la direzione dello stesso Wolff al Metropolitan Opera di New York il 27 dicembre 1919.

Adattamenti cinematografici[modifica | modifica wikitesto]

Menzioni in altre opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Nell'anime di fantascienza RahXephon, un uccellino azzurro è il simbolo di uno dei protagonisti, Michiru, il cui nome è la lettura giapponese di Mytyl.
  • Nell'anime Eureka Seven il nome dell'autore dell'opera, Maurice Maeterlinck, viene diviso nei nomi dei tre figli di Eureka, rispettivamente Maurice, Maeter e Linck.
  • Nel romanzo K-PAX, il protagonista Prot aiuta uno degli ospiti del manicomio dandogli tre compiti da svolgere, il primo di questi è di trovare l'uccellino azzurro della felicità. Tale riferimento compare anche nell'omonimo adattamento cinematografico.
  • Nel finale del lungometraggio animato Yellow Submarine, il Capo dei Biechi Blu afferma che suo cugino è l'uccello azzurro della felicità, e in quel momento sulla sua testa viene mostrato proprio un uccello azzurro.
  • Nell'episodio 616 della serie animata Pokémon, dal titolo Problemi in famiglia!, compaiono due personaggi dal nome Tytyl e Mytyl.
  • Nel videogioco Rule of Rose (in cui ogni capitolo è dedicato ad una fiaba o storia, che viene però deformata) vi è un capitolo denominato "L'uccello della felicità", chiaro riferimento all'uccellino azzurro di Maeterlinck. Però in questo caso l'uccellino è rosso sangue, e non azzurro.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il pilota britannico Malcolm Campbell rimase molto colpito dall'opera di Maeterlinck, alla cui rappresentazione assistette nel 1912, tanto che le varie automobili e imbarcazioni con cui negli anni successivi prese parte a competizioni e stabilì vari record di velocità erano tutte per suo volere dipinte in blu e chiamate col nome Blue Bird.
  • Nel 2008, per celebrare i cent'anni della prima messa in scena dell'opera di Maeterlinck, il Belgio stampò una serie limitata di Euro in oro riportanti su una delle facce il disegno di un uccellino.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Teatro Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Teatro