Ivan Michajlovič Moskvin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ivan Michajlovič Moskvin
Москвин Иван Михайлович (портрет).jpg

Deputato del Soviet dell'Unione del Soviet Supremo dell'Unione Sovietica
Legislature I
Circoscrizione Mosca

Dati generali
Partito politico Partito Comunista di tutta l'Unione (bolscevico)
Università GITIS
Moskvin in un ritratto giovanile

Ivan Michajlovič Moskvin (in russo: Иван Михайлович Москвин?; Mosca, 18 giugno 1874Mosca, 16 febbraio 1946) è stato un attore, regista e direttore teatrale russo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ivan Michajlovič Moskvin nel 1922

Ivan Michajlovič Moskvin nacque a Mosca, il 18 giugno 1874.[1]

Attore russo di teatro e cinematografico la cui carriera è strettamente identificata con il Teatro d'arte di Mosca, di cui egli divenne direttore nel 1943,[2]interpretando ben quarantanove personaggi, di cui trentacinque del repertorio russo, dal 1898 fino alla sua morte.[3][4]

Moskvin, dopo un'infanzia e un'adolescenza difficili, si avvicinò al mondo del teatro studiando nel dipartimento di fiction della Società Filarmonica di Mosca, dal 1893 al 1896. Successivamente ha calcato il palcoscenico in una compagnia a Jaroslavl' e nella compagnia del Teatro Korš a Mosca.[2]

Nel 1898 fu invitato dalla compagnia del suo primo maestro Vladimir Ivanovič Nemirovič-Dančenko e si unì al nuovo Teatro d'arte di Mosca e recitò assieme a Ol'ga Leonardovna Knipper nel ruolo principale della prima produzione del teatro, Lo zar Fëdor Ioannovič (1898), di Aleksej Konstantinovič Tolstoj.[2][5][4]

Continuò a recitare nel ruolo di Luka in Bassifondi (1902) di Maksim Gor'kij e di Iepichòdov ne Il giardino dei ciliegi di Anton Pavlovič Čechov (1904). Il successo e i consensi internazionali che Moskvin ottenne quando effettuò la tournée in Europa e negli Stati Uniti d'America (1919-1924) aumentarono negli anni successivi grazie alle sue partecipazioni in film sovietici distribuiti in tutto il mondo.[2][5][4]

Tra i ruoli del film di Moskvin figurano il contadino protagonista in Polikuška (1922), il ruolo principale in Segreteria del Collegio (1925), un film in cui svolse anche la regia.[1]

Pur seguendo la scuola di Konstantin Sergeevič Stanislavskij, si dimostrò sempre originale e peculiare nelle sue rappresentazioni, perché si identificava nel personaggio, sentendone come proprio il dolore, la gioia, la rabbia, l'ironia, la ribellione.[3]

Moskvin insegnò a tre generazioni di attori del Teatro d'arte di Mosca, e continuò ad apparire nelle produzioni teatrali fino al 1942, quando interpretò un ruolo principale nell'opera di N. F. Pogodin Il carillon del Kremlino.[2]

Fu insignito del Premio Stalin nel 1943 e al momento della sua morte, avvenuta il 16 febbraio 1946, era membro del Soviet Supremo dell'Unione Sovietica.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Ivan Moskvin, su imdb.com. URL consultato il 31 marzo 2019.
  2. ^ a b c d e f (EN) Ivan Moskvin, su britannica.com. URL consultato il 31 marzo 2019.
  3. ^ a b Ivan Michajlovič Moskvin, in le muse, VIII, Novara, De Agostini, 1967, pp. 133-134.
  4. ^ a b c (EN) Historical Dictionary of Russian Theatre, su books.google.it. URL consultato il 31 marzo 2019.
  5. ^ a b (EN) Ivan Michajlovič Moskvin, su the100.ru. URL consultato il 31 marzo 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (RU) Aleksandr A. Chanžonkov, I primi anni dell'industria cinematografica russa, Mosca, Iskusstvo, 1937.
  • Nikolaj Lebedev, Il cinema muto sovietico, Torino, Einaudi, 1962.
  • Jay Leyda, Storia del cinema russo e sovietico, Milano, Il Saggiatore, 1964.
  • (RU) Boris S. Lichačëv, Il cinema in Russia (1896-1913), I, Leningrado, Akademija, 1927.
  • (RU) V. Z. Radomyslenskij, Ivan Michajlovič Moskvin, Mosca, 1948.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN66728899 · ISNI (EN0000 0000 5521 7750 · Europeana agent/base/1148 · LCCN (ENno90016836 · GND (DE119469774 · BNF (FRcb14692467g (data) · J9U (ENHE987007456436305171 · WorldCat Identities (ENviaf-5259151304663949460009