Klosters-Serneus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Klosters-Serneus
comune
Klosters-Serneus – Stemma
Klosters-Serneus – Veduta
Veduta di Klosters Dorf
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Wappen Graubünden matt.svg Grigioni
Regione Prettigovia/Davos
Amministrazione
Lingue ufficiali Tedesco
Territorio
Coordinate 46°53′N 9°53′E / 46.883333°N 9.883333°E46.883333; 9.883333 (Klosters-Serneus)Coordinate: 46°53′N 9°53′E / 46.883333°N 9.883333°E46.883333; 9.883333 (Klosters-Serneus)
Altitudine 1 179 e 1 342 m s.l.m.
Superficie 219,83 km²
Abitanti 3 808 (2015)
Densità 17,32 ab./km²
Frazioni Aeuja, Klosters Dorf, Mezzaselva, Monbiel, Klosters Platz, Saas im Prättigau, Selfranga, Serneus
Comuni confinanti Arosa, Conters im Prättigau, Davos, Gaschurn (AT-8), Küblis, Luzein, Sankt Gallenkirch (AT-8), Zernez
Altre informazioni
Cod. postale 7247, 7249, 7250, 7252
Prefisso 081
Fuso orario UTC+1
Codice OFS 3871
Targa GR
Nome abitanti Klosterser
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Klosters-Serneus
Klosters-Serneus
Klosters-Serneus – Mappa
Sito istituzionale

Klosters-Serneus (toponimo tedesco, fino al 1973 Klosters[1]; in romancio Claustra-Serneus) è un comune svizzero di 3 808 abitanti del Canton Grigioni, nella regione Prettigovia/Davos della quale è capoluogo. Nel 1865 ha inglobato il comune soppresso di Serneus e il 1º gennaio 2016 quello di Saas im Prättigau.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Nel paese fra il 1961 e il 1990 si è registrata una media di 145.6 giorni all'anno con più di un millimetro di pioggia[senza fonte].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Klosters-Serneus è servito dalla stazione di Klosters Platz della Ferrovia Retica, sulla linea Landquart-Davos e capolinea della ferrovia del Vereina.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Florian Hitz, Klosters-Serneus, in Dizionario storico della Svizzera, 16 dicembre 2016. URL consultato il 31 maggio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA. VV., Storia dei Grigioni, 3 volumi, Collana «Storia dei Grigioni», Edizioni Casagrande, Bellinzona 2000

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN157205668
Svizzera Portale Svizzera: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Svizzera