Jumborg Ace

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jumborg Ace
Titolo originaleジャンボーグ - Janbôgu Êsu
PaeseGiappone
Anno1973
Formatoserie TV
Genereavventura, fantascienza
Stagioni1 Modifica su Wikidata
Episodi50 Modifica su Wikidata
Durata30 min (episodio)
Lingua originalegiapponese
Rapporto1,33 : 1
Crediti
IdeatoreHajime Tsuburaya
Interpreti e personaggi
MusicheShunsuke Kikuchi
Casa di produzioneTsuburaya Productions
Prima visione
Dal17 gennaio 1973
Al29 dicembre 1973
Rete televisivaMBS

Jumborg Ace (Janbôgu Êsu) è una serie televisiva giapponese in 50 episodi trasmessi per la prima volta nel corso di una sola stagione nel 1973.

È una serie del genere tokusatsu incentrata sulle vicende di un giovane, interpretato da Naoki Tachibana, impegnato a proteggere la Terra dagli assalti alieni alla guida di un automa che può utilizzare varie armi speciali.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La serie, ideata da Hajime Tsuburaya, fu prodotta da Tsuburaya Productions.[2] Le musiche furono composte da Shunsuke Kikuchi.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La serie fu trasmessa in Giappone nel 1973 sulla rete televisiva MBS.[2] In Italia è stata trasmessa su reti locali[3] con il titolo Jumborg Ace.[1]

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV Giappone
Prima stagione 50 1973

Opere derivate[modifica | modifica wikitesto]

Il film di fantascienza Gli uomini di Marte (ジャンボーグA&ジャイアント Huo xing ren) del 1976 (o 1974) per la regia di Hung Min Chen (con lo pseudonimo di Seika Den) è considerato generalmente uno spin-off della serie televisiva.[4] Tra i protagonisti figura infatti il personaggio di Jumborg Ace.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Jumborg Ace - MYmovies, su mymovies.it. URL consultato il 6 marzo 2012.
  2. ^ a b Jumborg Ace - Crediti compagnia, su imdb.it. URL consultato il 6 marzo 2012.
  3. ^ Jumborg Ace - Il mondo dei doppiatori, su antoniogenna.net. URL consultato il 6 marzo 2012.
  4. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), Gli uomini di Marte, in Fantafilm.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]