Joy (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Joy
Joy Movie.png
Jennifer Lawrence in una scena del film
Titolo originaleJoy
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2015
Durata124 min
Generedrammatico, biografico, commedia
RegiaDavid O. Russell
SoggettoAnnie Mumolo, David O. Russell
SceneggiaturaDavid O. Russell
ProduttoreDavid O. Russell, John Davis, Megan Ellison, John Fox, Jonathan Gordon, Ken Mok
Produttore esecutivoAnnie Mumolo, Matthew Budman, Mary McLaglen, George Parra, Ethan Smith
Casa di produzioneAnnapurna Pictures, Davis Entertainment
Distribuzione (Italia)20th Century Fox
FotografiaLinus Sandgren
MontaggioAlan Baumgarten, Jay Cassidy, Tom Cross, Christopher Tellefsen
Effetti specialiJeremy Dominick, Paul Jaasko, Mikey Sheehan
ScenografiaJudy Becker
CostumiMichael Wilkinson
TruccoJennifer Traub
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Joy è un film del 2015 scritto e diretto da David O. Russell, con protagonisti Jennifer Lawrence, Robert De Niro e Bradley Cooper; i quattro, regista e attori, sono alla loro terza collaborazione, dopo aver già lavorato insieme nei film Il lato positivo - Silver Linings Playbook e American Hustle - L'apparenza inganna.[1]

La pellicola è ispirata alla vita di Joy Mangano, inventrice del Miracle Mop, un mocio per pulire i pavimenti.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Joy è una ragazza modello con spirito di iniziativa e capacità creative, castrate però da una vita difficile. Divorziata con due figli, lavora nel servizio a terra di una compagnia aerea dove la costringono a fare il turno di notte. Vive in una casetta indipendente insieme alla madre, perennemente incollata al televisore a guardare telenovelas senza accorgersi della vita che ferve intorno a lei fino al fatale incontro con l'idraulico haitiano Toussaint, all'ex marito, aspirante cantante sudamericano che si è piazzato nel seminterrato e non contribuisce alla vita familiare, e alla nonna Mimi, l'unica che l'ha sempre stimolata e aiutata anche nelle faccende pratiche.

Il padre Rudy ha un'officina meccanica, che gestisce insieme alla sorellastra di Joy, Peggy, con cui la protagonista ha un pessimo rapporto. Le difficoltà della vita hanno spinto Joy a trascurare il suo istinto di inventrice, e col passare del tempo lei si rende conto con delusione che nessuno dei sogni che aveva si è mai avverato. La scintilla si riaccende quando un giorno si trova a dover ripulire il ponte di una barca dai resti di calici di vino rosso: le sue mani insanguinate dai frammenti di vetro la spingono a creare un nuovo accessorio per la pulizia della casa che non comporti il dover strizzare con le mani il panno usato per pulire.

Da quel momento, con i consigli dell'ex-marito, il sostegno dell'amica del cuore e l'appoggio economico dell'ultima fidanzata del padre, Joy farà di tutto per mettere a punto il suo Miracle Mop, arrivando addirittura a pubblicizzarlo lei stessa sul canale commerciale QVC, diretto dall'imprenditore Neil Walker. In questo cammino non mancheranno le difficoltà, tra uomini d'affari che cercano di estrometterla dopo averle rubato l'idea, i pessimi consigli da parte del padre e la sorellastra invidiosa che la fa quasi finire in bancarotta, ma grazie alla sua instancabile determinazione alla fine Joy ottiene la realizzazione dei suoi sogni e diventa una stimata imprenditrice, contribuendo alla vita domestica con numerose altre invenzioni.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il budget del film è stato di 60 milioni di dollari.[3]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer del film viene diffuso il 15 luglio 2015.[1]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal giorno di Natale 2015,[1] mentre in Italia dal 28 gennaio 2016.[4]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha incassato 56,4 milioni di dollari negli Stati Uniti e 44,6 nel resto del mondo con un incasso totale di 101.134.059 dollari.[3]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Joy Trailer: Jennifer Lawrence Stars in the David O. Russell Film, comingsoon.net, 15 luglio 2015. URL consultato il 15 luglio 2015.
  2. ^ Valentina D'Amico, ROBERT DE NIRO, JENNIFER LAWRENCE E DAVID O. RUSSELL INSIEME CON 'JOY', Movieplayer.it, 12 novembre 2014. URL consultato il 15 luglio 2015.
  3. ^ a b (EN) Joy, Box Office Mojo. URL consultato il 10 febbraio 2017.
  4. ^ Joy, comingsoon.it. URL consultato il 30 novembre 2015.
  5. ^ Luca Ceccotti, Golden Globes 2016: ecco tutte le nomination!, Best Movie, 10 dicembre 2015. URL consultato il 10 dicembre 2015.
  6. ^ Andrea Francesco Berni, Golden Globe Awards 2016: premiati Revenant – Redivivo e The Martian, tutti i vincitori!, badtaste.it, 11 gennaio 2016. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  7. ^ (EN) CRITICS' CHOICE 2015 NOMINATIONS ANNOUNCED, Rotten Tomatoes, 14 dicembre 2015. URL consultato il 14 dicembre 2015.
  8. ^ (EN) Phoenix Critics Circle Awards 2015 Nominees, thecinemafiles.com, 13 dicembre 2015. URL consultato il 13 dicembre 2015.
  9. ^ Marita Toniolo, Mtv Movie Awards: Star Wars e Deadpool guidano le nomination, Best Movie, 8 marzo 2016. URL consultato l'8 marzo 2016.
  10. ^ Pierre Hombrebueno, Captain America: Civil War schiaccia Batman v Superman ai Teen Choice Awards 2016, Best Movie, 1 agosto 2016. URL consultato il 1 agosto 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema