Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Jippensha Ikku

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jippensha nel ritratto di Utagawa Kunisada

Jippensha Ikku, nome d'arte di Shigeta Sadakazu (Sunpu, 1765Edo, 12 settembre 1831), è stato uno scrittore giapponese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Jippensha nacque nel 1765 a Sunpu, che corrisponde all'odierna Shizuoka, figlio di un piccolo funzionario.

Jippensha lavorò al servizio del magistrato di Edo e di Osaka.[1]

Ad Osaka, Jippensha venne a contatto con il mondo del teatro, con la società borghese, con il mondo della cultura e degli intellettuali, dai quali prese ispirazione per le sue opere.[1]

Pagina tratta da Shotōzan Tenarai Hōjō

Nel 1793 ritornò a Edo per lavorare come illustratore, e l'anno seguente pubblicò tre volumi intitolati Shingaku Tokeigusa, incentrati sui rapporti fra gli uomini e le donne.

Nel 1801 Jippensha effettuò un viaggio fino a Chiba, grazie al quale raccolse memorie di viaggio e spunti per le sue opere.

L'anno seguente pubblicò il primo volume del Tōkaidōchū Hizakurige (A cavallo delle gambe lungo il Tokaidô, 1802), la sua opera più importante e più conosciuta,[2] composta da otto volumi illustrati da lui stesso, nella quale l'autore descrisse viaggi di fantasia ispirati dal mondo e dai personaggi del teatro oltreché dalla società borghese. L'Hizakurige si può definire come una via di mezzo tra un diario di viaggio e una guida turistica umoristica, scritta per il popolo e non per i dotti.[1] L'opera riscosse un grande successo di pubblico.[3]

Il Tokaidô (Via del mare orientale) era una delle più importanti vie di collegamento tra Edo e Kyoto, inaugurata da Tokugawa Ieyasu (1543-1616), fondatore dello shogunato Tokugawa.[2][4]

Il Tōkaidōchū Hizakurige risultò vicino al genere letterario degli Sharebon, sottogenere del Gesaku, ossia scritti comici, umoristici, frivoli e beffardi aventi come tematiche principali i quartieri di piacere e il cibo.[1] Jippensha per scrivere il Tōkaidōchū Hizakurige prese spunto dalle opere letterarie precedenti per quanto riguarda i temi, invece fu più originale per i contenuti.[5] Il racconto narra le avventure di due protagonisti, un commerciante ed un suo compagno, che per sfuggire i loro creditori e per fare un pellegrinaggio nei santuari, decidono di effettuare un lungo viaggio.[5]

Jippensha si dimostrò brillante e originale nei suoi racconti umoristici (Sharebon) e nei suoi romanzi comici (Kokkeibon),[3] con i quali descrisse in modo caricaturale e satirico i vizi, le virtù, le abitudini, i linguaggi della società borghese del periodo Edo.[5][6]

Jippensha si sposò tre volte e visse gli ultimi mesi della sua vita in uno stato di crescente paralisi.[5]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Tōkaidōchū Hizakurige, A cavallo delle gambe lungo il Tokaidô, 1802-1822;
  • Seirō ehon nenjū gyōji, L'Almanacco di case verdi, in collaborazione con Utamaro, 1804.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Mario Talamo, Jippensha Ikku ed il suo Tōkaidō chū hizakurige, vol. 44, Istituto Italiano per l'Africa e l'Oriente (IsIAO), 2004, pp. 91-111.
  2. ^ a b Jippensha Ikku, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 10 aprile 2017.
  3. ^ a b Jippensha, Ikku (nel sito Sapere.it), su sapere.it. URL consultato il 1 aprile 2017.
  4. ^ A Oriente di dove ? Appunti di cultura giapponese (nel sito rossellamarangoni.it), su rossellamarangoni.it. URL consultato il 20 aprile 2017.
  5. ^ a b c d Le Muse, vol. 6, Novara, De Agostini, 1965, p. 63.
  6. ^ Shintō and kokugaku (nel sito dell'Encyclopædia Britannica), su britannica.com. URL consultato il 10 aprile 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mario Talamo, Il Giappone, Istituto Italiano per l'Africa e l'Oriente (IsIAO), 2004.
  • Earl Miner, Hiroko Odagiri e Robert E. Morrell, The Princeton Companion to Classical Japanese Literature, Princeton University Press, 1985.
  • Will Durant e Ariel Durant, Our Oriental Heritage, MJF books, 1997.
Controllo di autoritàVIAF (EN108369790 · ISNI (EN0000 0000 8060 8083 · LCCN (ENn80015638 · GND (DE133397416 · BNF (FRcb12300414r (data) · NLA (EN35950231 · CERL cnp01337101