Jacobo FitzJames Stuart, XVII duca d'Alba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jacobo FitzJames Stuart, XVII duca d'Alba
Duke of Alba Bassano.jpg
Jacobo Fitz-James Stuart il 12 novembre 1937, National Portrait Gallery, Londra
Duca d'Alba
Stemma
In carica 15 ottobre 1901 –
24 settembre 1953
Predecessore Carlos FitzJames Stuart, XVI duca d'Alba
Successore Cayetana Fitz-James Stuart, XVIII duchessa d'Alba
Nome completo Santiago María del Pilar Carlos Manuel Felipe Juan Pío Fernando Francisco de Sales Gerónimo Mamerto Eduvigio Fitz-James Stuart Falcó Palafox-Portocarrero y Osorio
Trattamento Don
Altri titoli vedi sezione
Nascita Madrid, Spagna, 17 ottobre 1878
Morte Losanna, Svizzera, 24 settembre 1953
Sepoltura Monastero dell'Immacolata Concezione, Loeches, Comunità autonoma di Madrid
Dinastia Casato di FitzJames
Casa d'Alba
Padre Carlos FitzJames Stuart, XVI duca d'Alba
Madre María del Rosario Falcó, XXI contessa di Siruela
Consorte María del Rosario de Silva y Gurtubay, IX marchesa di San Vicente del Barco
Figli Cayetana
Religione Cattolicesimo

Don Santiago María del Pilar Carlos Manuel Felipe Juan Pío Fernando Francisco de Sales Gerónimo Mamerto Eduvigio Fitz-James Stuart y Falcó, XVII duca d'Alba de Tormes, grande di Spagna (Madrid, 17 ottobre 1878Losanna, 24 settembre 1953), fu un nobile, diplomatico, politico e collezionista d'arte spagnolo. Fu uno degli aristocratici più importanti del suo tempo, e detenne, tra gli altri titoli, i Ducati d'Alba de Tormes e Berwick, le Contee di Lemos, Lerín e Montijo e il Marchesato di Carpio. Fu anche un Cavaliere dell'Ordine del Toson d'oro di Spagna nel 1926.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Il Duca era figlio di Carlos FitzJames Stuart, XVI duca d'Alba e María del Rosario Falcó, XXI contessa di Siruela.

Educazione[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato i suoi studi sotto la guida di insegnanti privati e poi è stato inviato al gesuita Beaumont College in Old Windsor, ed è entrato ad Eton College. Dopo aver concluso il Baccalaureato nel prestigioso San Isidro di Madrid, ha continuato la sua istruzione superiore nella Universidad Complutense, dove ha ottenuto la laurea in legge.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Sposò a Londra il 7 ottobre 1920, María del Rosario de Silva y Gurtubay, IX marchesa di San Vicente del Barco (Madrid, 4 aprile 1900 - Madrid, 11 gennaio 1934) ed ebbero una sola figlia femmina, Cayetana, che ereditò tutti i titoli e le fortune della famiglia.

Carriera diplomatica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1902, mentre serviva da Gentiluomo di Camera di Re Alfonso XIII, fu fatto Cavaliere di Gran Croce dell'ordine reale vittoriano.[1] Tra il 2 febbraio 1930 e il 18 febbraio 1931 Alba fu Ministro degli Affari Esteri di Spagna. Durante la guerra civile spagnola, i repubblicani occuparono la sua residenza, il Palazzo di Liria (che sua figlia successivamente ha restaurato), e assassinarono suo fratello minore Hernando Carlos Maria Theresa FitzJames Stuart y Falco (1882-1936). Alba diventò rappresentante ufficiale del Generale Franco a Londra. Era ancora ambasciatore a Londra nel 1939, quando il gabinetto di Neville Chamberlain diede formalmente il riconoscimento diplomatico ai nazionalisti di Franco.

Massone, fu membro della Gran Loggia Unita d'Inghilterra[2].

Carriera olimpica[modifica | modifica wikitesto]

Vinse una medaglia d'argento ai giochi olimpici di polo del 1920.[3]

Dopoguerra[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la II Guerra Mondiale, i rapporti di Alba con Franco si raffreddarono notevolmente, frutto del sostegno di Alba al rapido ripristino monarchico, molto più di quanto fece Franco. Fu un ospite di primo piano alle nozze della Principessa Elisabetta e Filippo Mountbatten, Duca di Edimburgo[4].

Titoli e trattamento[modifica | modifica wikitesto]

Titoli[modifica | modifica wikitesto]

Ducati[modifica | modifica wikitesto]

Marchesati[modifica | modifica wikitesto]

  • XVI Marchese del Carpio, Grande di Spagna
  • XXII Marchese di Coria
  • XIX Marchese di Moya
  • XVII Marchese di Barcarrota
  • XVIII Marchese di Sarria
  • XIX Marchese di Ardales -Ceduto a sua sorella Doña Sol
  • XVII Marchese di Villanueva del Fresno
  • XVI Marchese di Villanueva del Río
  • XIX Marchese di la Mota
  • XIII Marchese di Eliche
  • XI Marchese di Osera
  • XI Marchese di Tarazona
  • XIII Marchese di San Leonardo
  • XV Marchese di la Albaga

Contee[modifica | modifica wikitesto]

  • XIX Conte di Lerín, Grande di Spagna, Connestabile di Navarra
  • XXI Conte di Lemos, Grande di Spagna
  • XIX Conte di Osorno, Grande di Spagna
  • XIX Conte di Siruela, Grande di Spagna
  • XV Conte di Monterrey, Grande di Spagna
  • XXIV Conte di San Esteban de Gormaz
  • XX Conte di Miranda del Castañar
  • XIX Conte di Villalba
  • XVII Conte di Gelves
  • XVIII Conte di Andrade
  • XV Conte di Fuentes de Valdepero
  • XVI Conte di Galve
  • XVI Conte di Casarrubios del Monte
  • X Conte di Fuentidueña
  • XIII Conte di Ayala
  • XI Conte di Santa Cruz de la Sierra
  • X Conte di Tinmouth

Viscontee[modifica | modifica wikitesto]

  • XI Visconte di la Calzada

Baronie[modifica | modifica wikitesto]

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

  • L'Eccellentissimo Duca di Huéscar (1878–1901)
  • L'Eccellentissimo Duca di Alba de Tormes (1901–1953)

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze spagnole[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine del Toson d'oro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'oro
— 26 maggio 1926[5]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Carlo III - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Carlo III
— 1919
Cavaliere di Collare dell'Ordine di Carlo III - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Collare dell'Ordine di Carlo III
— 1919
Cavaliere dell'Ordine Militare di Calatrava - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Militare di Calatrava

Onorifenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran croce dell'ordine della legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran croce dell'ordine della legion d'Onore
Cavaliere di Gran Croce Onorario dell'Ordine Reale Vittoriano (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce Onorario dell'Ordine Reale Vittoriano (Regno Unito)
Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ William A. Shaw, The Knights of England, page 425
  2. ^ Xavi Casinos - Josep Brunet, Franco contra los Masones, mr ediciones, Madrid, 2007, p. 203.
  3. ^ Sports Reference Olympics, su sports-reference.com (archiviato dall'url originale il 4 luglio 2009).
  4. ^ Royal Collection: Seating plan for the Ball Supper Room
  5. ^ Bolletino Ufficiale di Stato (PDF), su boe.es.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Ministro degli affari esteri della Spagna Successore Flag of Spain.svg
Dámaso Berenguer 22 febbraio 193018 febbraio 1931 Álvaro Figueroa y Torres
Predecessore Ministro dell’Educazione Pubblica di Spagna Successore Flag of Spain.svg
Eduardo Callejo de la Cuesta 30 gennaio 193022 febbraio 1930 Elías Tormo
Predecessore Ambasciatore di Spagna in Inghilterra Successore Flag of the United Kingdom.svg
Pablo de Azcárate 193922 febbraio 1942 José Ruiz de Arana y Bauer
Predecessore Duca d'Alba Successore
Carlos FitzJames Stuart, XVI duca d'Alba 1902-1953 Cayetana Fitz-James Stuart, XVIII duchessa d'Alba
Predecessore Marchese di Ardales Successore
María Eugenia de Guzmán, XVIII marchesa di Ardales 1920-1953 Jaime de Mitjans y FitzJames Stuart, XX marchese di Ardales
Predecessore Duca di Berwick Successore
Carlos María Fitz-James Stuart, IX duca di Berwick 1902-1953 Fernando FitzJames Stuart, XI duca di Berwick
Controllo di autoritàVIAF (EN64915396 · ISNI (EN0000 0001 1809 9799 · LCCN (ENn2013051638 · GND (DE123468221 · BNF (FRcb15511062q (data) · BNE (ESXX1170559 (data) · BAV (EN495/14847 · WorldCat Identities (ENlccn-n2013051638
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie