JTBC

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
JTBC
Logo dell'emittente
Stato Corea del Sud Corea del Sud
Lingua coreano
Tipo generalista
Slogan Your colorful pleasure JTBC
Versioni JTBC
(data di lancio: 1 dicembre 2011)
Sostituisce Tongyang Broadcasting Company (TBC)
Editore Joongang Media Network
Sito http://jtbc.joins.com/

JTBC (제이티비씨?, Je-itibissiLR) è un canale televisivo via cavo generalista sudcoreano, proprietà per il 25% di Joongang Media Network[1]. È stato lanciato il 1º dicembre 2011[2] ed è uno dei quattro canali via cavo (insieme a Channel A, TV Chosun e MBN) che ampliano l'offerta delle reti gratuite dopo la deregolamentazione del 22 luglio 2009[3][4][5][6][7].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il quotidiano JoongAng Ilbo aveva posseduto una rete televisiva, la Tongyang Broadcasting Company (TBC) dal 1964 al 1980, anno in cui fu fusa con la forza alla statale KBS dal regime militare di Chun Doo-hwan. Il ritorno del JoongAng Ilbo alla televisione con la JTBC è pertanto considerato una rinascita della TBC[8]. La JTBC Corporation fu fondata l'11 marzo 2011 e la rete iniziò le trasmissioni il 1º dicembre 2011 sul canale 15[2][9]. Nel maggio 2013 Sohn Suk-hee, ex-annunciatore della MBC, fu designato presidente della divisione news della JTBC[10].

Programmi[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Programmi televisivi di JTBC

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (KO) 종편 주주 현황 어떻게. URL consultato il 7 febbraio 2018.
  2. ^ a b (EN) The Korea Herald, New cable channels go on air, 30 novembre 2011. URL consultato il 7 febbraio 2018.
  3. ^ What else can new channels do to boost ratings?, su koreatimes.co.kr, 8 gennaio 2014. URL consultato il 7 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale l'8 gennaio 2014).
  4. ^ Four new TV channels face uncertain futures, su koreatimes.co.kr, 8 gennaio 2014. URL consultato il 7 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale l'8 gennaio 2014).
  5. ^ Low ratings weigh on new channels, su koreatimes.co.kr, 8 gennaio 2014. URL consultato il 7 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale l'8 gennaio 2014).
  6. ^ New channels remain ‘anonymous’, su koreatimes.co.kr, 8 gennaio 2014. URL consultato il 7 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale l'8 gennaio 2014).
  7. ^ (EN) The Korea Herald, ‘New TV channels are niche, not gold mine’, 29 novembre 2012. URL consultato il 7 febbraio 2018.
  8. ^ (EN) Asian American: Four New TV Broadcasting Networks Debut in S. Korea Goldsea, su goldsea.com. URL consultato il 7 febbraio 2018.
  9. ^ A fresh start by JTBC-INSIDE Korea JoongAng Daily, su archive.is, 11 aprile 2013. URL consultato il 7 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale l'11 aprile 2013).
  10. ^ JTBC chooses news chief-INSIDE Korea JoongAng Daily, su archive.is, 29 giugno 2013. URL consultato il 7 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2013).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN828145857097322921512 · LCCN (ENn2016011545 · WorldCat Identities (ENn2016-011545