Jõhvi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il comune rurale di Jõhvi, vedi Jõhvi (comune rurale).
Jõhvi
città
Jõhvi – Stemma Jõhvi – Bandiera
Localizzazione
Stato Estonia Estonia
Contea Ida-Virumaa vapp.svg Ida-Virumaa
Comune Jõhvi
Territorio
Coordinate 59°21′N 27°24′E / 59.35°N 27.4°E59.35; 27.4 (Jõhvi)Coordinate: 59°21′N 27°24′E / 59.35°N 27.4°E59.35; 27.4 (Jõhvi)
Superficie 7,6 km²
Abitanti 11 500 (2005)
Densità 1 513,16 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orario UTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Estonia
Jõhvi
Jõhvi
Jõhvi – Mappa
Sito istituzionale

Jõhvi (in tedesco Jewe) è una città dell'Estonia nordorientale, capoluogo della contea di Ida-Virumaa e del rispettivo comune rurale. Amministrativamente, tuttavia, non esistono distinzioni tra la città e il suo contado.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Situata a 50 km dalla frontiera russa, la città si sviluppa lungo la Strada Europea E20, nel tratto che unisce Rakvere (distante circa 40 km) e Narva (a circa 25 km).

Popolazione[modifica | modifica wikitesto]

L'etnia estone è leggermente minoritaria (45%) nella città, dove il 55% della popolazione[senza fonte] è di etnia russa, composta principalmente di immigrati arrivati durante l'occupazione sovietica del Paese (1944-1991) e dai loro discendenti.

Agli estoni sfollati, fu fatto divieto dai sovietici di poter rientrare nelle loro case distrutte dopo l'ultima guerra. Case nuove furono costruite solo per accogliere immigrati di etnia russa. Questo fatto alterò la composizione etnica della città.[1]

La chiesa parrocchiale di Jõhvi

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima menzione della città come villaggio risale al 1241 in un libro danese, coi nomi di Gewi e Jewi. Nel XIII secolo si costruì nella cittadina una parrocchia. Nel 1938 Jõhvi ottenne lo status di città e nel 2005 la città si unì con la parrocchia.

Il più importante monumento in Jõhvi è la potente fortezza gotica costruita nel XIII secolo. Nel medioevo, era circondato da un fossato. Oggi, un museo per la chiesa della fortezza di Jõhvi è situato nelle cantine a volte.

Come un tipico centro commerciale, la città di Jõhvi crebbe attorno al mercato, il quale era attorniato da taverve, uffici postali, negozi, una locanda, banche e, dal 1895, una chiesa ortodossa russa. Tutte le strade dirigevano al centro della città, giusto in fronte all'ufficio postale.

Oggi, un simbolico segnale direzione il quale mostra le distanze per Roma a Mosca, e per tutte le città gemellate con Jõhvi, contraddistingue il posto.

Nel 1917, nel pieno del periodo rivoluzionario, Jõhvi venne riconosciuta come un comune e nel 1938 venne riconosciuta come città. Nello stesso periodo, con lo sviluppo dell'industria estrattiva delle scisti bituminose, la città crebbe in un centro metropolitano. Oggi 70.000 persone in totale vivono all'interno di una dozzina di chilometri dalla città.

Durante la Seconda guerra mondiale, il centro storico di Jõhvi venne seriamente danneggiato, gran parte della popolazione estone originaria fu deportata e sostituita da immigrati russi (russificazione). Dal ritorno dell'Estonia indipendente, la percentuale estone sta lentamente risalendo.

Nel 2005 la municipalità di Jõhvi è stata fusa con l'omonimo comune rurale.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

A Jõhvi ha sede la Audes[2], azienda elettronica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ fonte Lonely Guide
  2. ^ sito internet: http://www.audes.ee

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN243220112 · GND: (DE7544410-0
Estonia Portale Estonia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Estonia