Ion Minulescu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ion Minulescu

Ion Minulescu (Bucarest, 6 gennaio 1881Bucarest, 11 aprile 1944) è stato uno scrittore, poeta e drammaturgo rumeno.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ion Minulescu e il critico letterario Octav Şuluţiu con le loro mogli a Predeal, 1940.
Ritratto di Ion Minulescu, eseguito dal pittore Ștefan Dimitrescu
Francobollo romeno del 2001 dedicato a Ion Minulescu

Ion Minulescu nacque a Bucarest il 6 gennaio 1881.[1]

Frequentò a Pitești le scuole primarie e a Bucarest le scuole secondarie e pubblicò le sue prime opere sulla rivista Foaia pentru toţi (Foglio per tutti), nel 1898.[1][2]

Dopo il diploma di scuola superiore, Minulescu si trasferì a Parigi per studiare legge, dove partecipò alla vita culturale andando ai concerti, ai teatri, alle più importanti conferenze, visitando le grandi gallerie d'arte e mostre, avvicinandosi alla letteratura simbolista francese, con le letture di Charles Baudelaire, Lautréamont, Paul Verlaine e Arthur Rimbaud.[1][2][3]

Nel 1914 si sposò con la poetessa Claudia Millan, autrice di Garofani rossi (Garoafe rosii, 1914), Canti per l'uccello azzurro (Cântări pentru pasărea albastră, 1923), Tutto (Întregire, 1936), con la quale ebbe una figlia dedita alle belle arti.[1]

Minulescu diventò direttore della sezione arte del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, carica che terrà fino al 1940.[1]

Fu uno scrittore di drammi, di romanzi come Rosso, giallo, azzurro (Roşu, galben şi albastru, 1924), raccolte di novelle fantastiche quali La casa dai vetri arancione (Casa cu geamuri portocalii, 1908) e Da leggersi di notte (Cetiţi-le noaptea, 1930),[4] contraddistinte dalla ricercatezza, però soprattutto con la poesia riuscì ad esprimere pienamente la sua personalità, continuando a sviluppare la maestrìa linguistica e l'estetismo simbolista del linguista, drammaturgo, scrittore di fantascienza, caposcuola del modernismo romeno Alexandru Macedonski (1854-1920).[4]

Minulescu, nelle poesie, si caratterizzò per la fantasia, per l'enfaticità, per l'espressività, per la plasticità, per l'umorismo, per lo stile elevato, per le innovazioni metriche:[5][1][3] Romanze per più tardi (Romanţe pentru mai târziu, 1908), Chiacchierando con me stesso (De vorbă cu mine însumi, 1913), Strofe per tutti quanti (Strofe pentru toatălumea, 1930), Non sono quel che sembro (Nu sunt ce par a fi, 1936), furono le sue raccolte principali[5]

Ion Minulescu morì a Bucarest l'11 aprile 1944.[1]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Prosa[modifica | modifica wikitesto]

  • La casa dai vetri arancione (Casa cu geamuri portocalii, 1908);
  • Maschere di bronzo e lampade di porcellana (Măști de bronz și lampioane de porțelan, 1920);
  • Lulu Popescu (1920);
  • Gli orsi se ne vanno (Pleacă berzele, 1920);
  • Rosso, giallo, azzurro (Roşu, galben şi albastru, 1924);
  • La manipolazione sentimentale (Manechinul sentimental, 1926);
  • Barbiere di re Mida (Bărbierul regelui Midas, 1929);
  • Da leggersi di notte (Cetiţi-le noaptea, 1930);
  • Cavalieri della notte (Cetițile noaptea, 1933).

Poesie[modifica | modifica wikitesto]

  • Romanze per più tardi (Romanţe pentru mai târziu, 1908);
  • Chiacchierando con me stesso (De vorbă cu mine însumi, 1913);
  • Strofe per tutti quanti (Strofe pentru toatălumea, 1930);
  • Non sono quel che sembro (Nu sunt ce par a fi, 1936);
  • Opere (Versuri, 1939).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g (RO) Ion Minulescu - un simbolist aparte, su historia.ro. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  2. ^ a b (RO) 135 de ani de la naşterea lui Ion Minulescu, poetul parodiat de scriitorii vremii Citeste mai mult: adev.ro/pbc9j5, su adevarul.ro. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  3. ^ a b ROMANIA: Ion Minulescu, il poeta della "Parigi dell'Est", su eastjournal.net. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  4. ^ a b le muse, VII, Novara, De Agostini, 1966, p. 505.
  5. ^ a b Ion Minulescu, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011, Treccani.it – Enciclopedie on line. URL consultato il 15 febbraio 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (RO) Academia Republicii Populare Române, Dicționar Enciclopedic Român, Bucarest, Editura Politică, 1962-1964.
  • (RO) Petre Anghel, "Ion Minulescu", 100 cei mai mari scriitori români, Bucarest, Editura Lider, 2003.
  • (RO) Octav Botez, Recenzii. Corigent la limba română, in Viaţa Românească (Bucarest), 2-3, 1929, p. 326.
  • (RO) George Călinescu, Istoria literaturii române. Compendiu, Bucarest, Editura Minerva, 1983.
  • (RO) George Călinescu, Istoria Literaturii Române de la origin pănâ în prezent, Bucarest, 1945.
  • (RO) Matei Călinescu, Prefaţă, Tabel cronologic in Ion Minulescu, Romanţe pentru mai târziu şi alte poezii, Bucarest, Editura pentru literatură, 1967.
  • (RO) Nicolae Iorga, Istoria Literaturii Românești, Bucarest, 1929.
  • (RO) Emil Manu, Actualitatea lui Ion Minulescu, Versuri şi proză, Bucarest, Editura Eminescu, 1986.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN57410758 · ISNI (EN0000 0001 0857 7881 · LCCN (ENn82044927 · GND (DE118784188 · BNF (FRcb12175095s (data) · WorldCat Identities (ENn82-044927