Infinity (Journey)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Infinity
Artista Journey
Tipo album Studio
Pubblicazione 20 gennaio 1978
pubblicato negli Stati Uniti
Durata 37 min : 0 s
Dischi 1
Tracce 10
Genere Hard rock
Pop rock
Soft rock
Rock progressivo
Album-oriented rock
Etichetta Columbia Records (JC 34912)
Produttore Roy Thomas Baker
Registrazione San Francisco al His Master's Wheels; Los Angeles al Cherokee Studios
Formati LP
Certificazioni
Dischi d'oro Canada Canada[1]
(vendite: 50 000+)
Dischi di platino Stati Uniti Stati Uniti (3)[2]
(vendite: 3 000 000+)
Journey - cronologia
Album precedente
(1977)
Album successivo
(1978)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Allmusic 4/5 stelle[3]
The New Rolling Stone Album Guide 2/5 stelle[4]
Sputnikmusic 3.0 (Good)[5]
Dizionario del Pop-Rock 4/5 stelle[6]
24.000 dischi 4/5 stelle[7]

Infinity è il quarto album dei Journey, pubblicato dalla Columbia Records nel gennaio[8] del 1978.

È il primo album ad avvalersi di Steve Perry alla voce.

Il disco fu per 3 volte certificato disco di platino negli USA (6 luglio, 1989 / 19 ottobre, 1984 e 10 ottobre, 1978) ed una volta disco d'oro (3 maggio, 1978)[9].

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Lato A
  1. Lights – 3:09 (Steve Perry, Neal Schon)
  2. Feeling That Way – 3:27 (Steve Perry, Gregg Rolie, Aynsley Dunbar)
  3. Anytime – 4:03 (Gregg Rolie, Roger Silver, Robert Fleischman, Neal Schon, Ross Valory)
  4. La Do Da – 2:58 (Steve Perry, Neal Schon)
  5. Patiently – 3:24 (Steve Perry, Neal Schon)
Lato B
  1. Wheel in the Sky – 4:12 (Diane Valory, Neal Schon, Robert Fleischman)
  2. Somethin' to Hide – 3:28 (Steve Perry, Neal Schon)
  3. Winds of March – 5:04 (Neal Schon, Matt Schon, Robert Fleischman, Steve Perry, Gregg Rolie)
  4. Can Do – 2:40 (Diane Valory, Ross Valory, Steve Perry)
  5. Opened the Door – 4:35 (Steve Perry, Neal Schon, Gregg Rolie)

[10]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note aggiuntive

  • Roy Thomas Baker - produttore (per la RTB (Audio/Visual) Productions, Inc.), mixaggio
  • Registrato al His Master's Wheels di San Francisco (California) ed al Cherokee Studios di Los Angeles (California)
  • Geoffrey Workman - ingegnere delle registrazioni
  • Kelley & Mouse - cover art
  • Tom Steele - design album
  • Sam Emerson - fotografia retrocopertina album
  • Pat Morrow - note[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gold Platinum Database - Journey, Music Canada. URL consultato il 27 maggio 2015.
  2. ^ (EN) Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 27 maggio 2015.
  3. ^ (EN) John Franck, Infinity, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 25 luglio 2016.
  4. ^ da The New Rolling Stone Album Guide di Nathan Brackett with David Hoard, pagina 442
  5. ^ [1]
  6. ^ da Dizionario del Pop-Rock di Enzo Gentile & Alberto Tonti, Ed. Baldini & Castoldi, pagina 535
  7. ^ da 24.000 dischi di Riccardo Bertoncelli e Chris Thellung, Zelig Editore, pagina 512
  8. ^ [2]
  9. ^ [3]
  10. ^ Titoli autori e durata brani ricavati dalle note su vinili LP Columbia Records JC 34912; AL 34912 (Lato A) / BL 34912 (Lato B)
  11. ^ Note di copertina di Infinity, Journey, Columbia Records JC 34912, 1978.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Infinity, su Discogs, Zink Media. URL consultato il 25 luglio 2016. (LP - Titoli autori e durata brani - Musicisti, produttore - Altro)
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock