Incantesimo (film 1938)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Incantesimo
Incantesimo01.jpg
Cary Grant e Katharine Hepburn in una scena del film
Titolo originale Holiday
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1938
Durata 95 min
Dati tecnici B/N
Genere commedia
Regia George Cukor
Soggetto Philip Barry
Sceneggiatura Sidney Buchman, Donald Ogden Stewart
Casa di produzione Columbia Pictures
Distribuzione (Italia) Columbia EIA (1939)
Fotografia Franz Planer
Montaggio Al Clark, Otto Meyer
Musiche Sidney Cutner, Lucien Denni, Stephen Foster, Felix Mendelssohn Bartholdy, Paul Mertz, Joseph Nussbaum, Ben Oakland, John Reading, Sholom Secunda, Johann Strauss
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Ridoppiaggio TV

Incantesimo è un film del 1938 diretto da George Cukor, remake di Holiday, pellicola del 1930 diretto da Edward H. Griffith.

L'opera è stata adattata da Donald Ogden Stewart e Sidney Buchman dalla commedia di Philip Barry.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Si racconta la storia di Johnny Case, un giovane di umili origini, il quale, una volta affermatosi, si ritrova a essere combattuto fra il proprio stile di vita e le rigide tradizioni dei Seton, una ricchissima famiglia newyorkese che è quella della sua nuova fidanzata, Julia, conosciuta durante una crociera. Johnny finirà però con l'innamorarsi, ricambiato, della sorella di lei, Linda, proprio perché caratterialmente completamente diversa da Julia.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il film valse una nomination per l'Oscar alla migliore scenografia a Stephen Goosson e Lionel Banks.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alvin H. Marill, Katharine Hepburn - Storia illustrata del cinema, Milano Libri Edizioni, giugno 1976 (versione italiana di Katharine Hepburn, Pyramid Communications Inc., 1973)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema