Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

I-Zenborg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
I-Zenborg
恐竜大戦争アイゼンボーグ
(Kyoryu Daisenso Ai-Zenborg)
Generetokusatsu, mecha
Serie TV anime
RegiaJyun Oki, Kanji Otsuka, Kiyozumi Fukazawa, Kazuho Mitsuda, Shohei Tojo, Toshihiko Nakashima
Char. designHaroyuki Kawajima, Takekatsu Kikuta
MusicheToshiaki Tsushima
StudioTsuburaya Production
ReteTokyo 12 Channel
1ª TV7 ottobre 1977 – 30 giugno 1978
Episodi39 (completa)
Aspect ratio4:3
Durata25 min

I-Zenborg (恐竜大戦争アイゼンボーグ Kyoryu Daisenso Ai-Zenborg?), lett. Ai-Zenborg e la Grande Guerra dei Dinosauri, è una serie fantascientifica/Tokusatsu giapponese, realizzata con scene composte sia da cartoni animati che da riprese di modellini e personaggi in costume.

La serie è stata prodotta da Obata Ikuo/Tsuburaya Productions nel 1977 ed è composta di 39 episodi da circa 25 minuti ognuno. In Italia la serie è stata trasmessa dalle TV locali, è stata replicata nel 2012 dalla rete satellitare Man-ga e distribuita su DVD da Yamato Video.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un lungo sonno durato millenni, l'Impero dei Dinosauri decide di riemergere dal sottosuolo per rimpardonirsi del pianeta Terra. Il Professor Tachibana, resosi conto dell'imminente pericolo, progetta una nuova arma per contrastare l'invasione di questi antichi esseri, mutati geneticamente nel lungo oblio del tempo. Purtroppo durante un esperimento Tachibana perde la vita, ed i suoi due figli rimangono gravemente feriti. Ma Ai e Zen (questo il nome dei due fratelli) vengono miracolosamente salvati dal Professor Torii, che è costretto a tramutarli in cyborg, impiantando nei loro corpi parti bioniche. Viene così creata la Squadra D, con il compito di proteggere il pianeta Terra. Ne fanno parte i due fratelli Tachibana ed altri due membri, il longilineo e imbranato Goro Scambarra ed il massiccio Hippei Kurosawa. L'intera squadra utilizza come base logistica il Carry Boing, un gigantesco aereo da trasporto, che contiene al suo interno tutto l'arsenale del team. Durante le missioni terrestri Ai e Zen pilotano l'Ai-Zen 1, un cingolato da combattimento, dotato delle armi più tecnologiche per combattere i dinosauri. Barra ed Hippei controllano invece l'Ai-Zen 2 la parte posteriore del cingolato, che separandosi dal carro è in grado di diventare un mezzo volante. Quando le normali armi della Squadra D sono inefficaci contro i giganteschi mostri dell'impero, i due fratelli cyborg incrociando le loro braccia sono in grado di sprigionare un'energia incredibile, dando così vita al progetto creato dal loro defunto padre: l'Ai-Zen 1 si trasforma nell'Ai-Zenborg, un jet supersonico dotato di lame rotanti e di una gigantesca trivella. Ai viene trasmutata in un'entità meccanico-elettronica che serve per alimentare il velivolo, mentre Zen ritorna fisicamente umano per pilotare il jet in prima persona. Durante il terribile scontro con il Comandante Ururu, luogotenente dell'impero dei Dinosauri, i nostri eroi hanno la peggio ed Ai rimane gravemente ferita. Mentre si trova in sala operatoria in attesa di cure, il suo corpo viene colpito da una terribile scarica elettrica, che invece di complicarne le condizioni finisce col potenziare le sue parti bioniche. L'Imperatore Gottes, subentrato al deceduto Ululu, sferra la sua controffensiva inviando i suoi mostri giganti. Zen si lancia disperato verso sua sorella Ai, nel tentativo di ripetere l'unione. Ma questa volta il risultato è davvero sorprendente. I due fondono i loro corpi nell'imbattibile Super Ai-Zen, un gigantesco guerriero umanoide.

Doppiaggio italiano[modifica | modifica wikitesto]

In italia il doppiaggio è stato diretto da Antonia Forlani per la Edizioni Miguel.

Le voci dei personaggi sono

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Titolo italiano
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
In onda
Giapponese
1Il risveglio dei dinosauri
「恐竜現わる! D戦隊発進せよ!」 - Kyōryū arawa ru! D sentai hasshin seyo!
7 ottobre 1977
2L'attacco dei pipistrelli
「危機一髪! 愛と善」 - Kikiippatsu! ai to zen
14 ottobre 1977
3I topi rossi
「恐竜軍団! 恐怖のねずみ作戦!」 - Kyōryū gundan! kyōfu nonezumi sakusen!
21 ottobre 1977
4La fuga di Nemu
「必殺! アイゼンクロスカッター!!」 - Hissatsu! aizenkurosukatta!!
28 ottobre 1977
5Gruppo 'D' in azione
「危うし! 愛と善 放射能を消せ!」 - Abunau shi! ai to zen hōshanō wo kese!
4 novembre 1977
6Il flauto contro i dinosauri
「謎の美少女 嵐を呼ぶ笛!」 - Nazo no bishōjo arashi wo yobu fue!
11 novembre 1977
7Le rondini rosse
「三大怪獣出現! 男が命をかける時」 - Sandai kaijū shutsugen! otoko ga inochi wokakeru toki
18 novembre 1977
8Lavaggio del cervello
「恐怖の洗脳人間第一号!!」 - Kyōfu no sennō ningen daiichi gō!!
25 novembre 1977
9Negli abissi dei mari
「謎の恐竜変死体!」 - Nazo no kyōryū henshi karada!
2 dicembre 1977
10Operazione bambina
「決死の少女救出作戦!」 - Kesshi no shōjo kyūshutsusakusen!
9 dicembre 1977
11Un dinosauro amico
「恐竜の墓に涙の十字架を!」 - Kyōryū no haka ni namida no jūjika wo!
16 dicembre 1977
12L'evaso
「生か! 死か! 激流に賭ける命」 - Ika! shi ka! gekiryū ni kake ru inochi
23 dicembre 1977
13S.O.S. Gruppo 'D'
「SOS! D戦隊基地を守れ!」 - SOS! D sentai kichi wo mamore!
30 dicembre 1977
14Il riscatto di barra
「逆襲! 怒りに燃えたD戦隊」 - Gyakushū! ikari ni moe ta D sentai
6 gennaio 1978
15Operazione corrida
「燃える友情 進め! 闘牛大作戦」 - Moe ru yūjō susume! tōgyū daisakusen
13 gennaio 1978
16Un fiore per I-Zen
「恋人よ アイゼン号に花を飾れ!」 - Koibito yo aizen gō ni hana wo kazare!
20 gennaio 1978
17La liquefazione
「恐怖! アイゼン号が溶ける!」 - Kyōfu! aizen gō ga toke ru!
27 gennaio 1978
18L'aeroporto è in pericolo
「空港大ピンチ! 吹雪をそめる鮮血」 - Kūkō dai pinchi! fubuki wosomeru senketsu
3 febbraio 1978
19Ai, non morire
「恐竜魔王の怒り! 死ぬな愛」 - Kyōryū maō no ikari! shinu na ai
10 febbraio 1978
20Il super I-Zen
「かがやけ一番星! アイゼンボー」 - Kagayake ichiban hoshi! aizenbō
17 febbraio 1978
21Il valore dell'amicizia
「激突! 恐竜魔王対アイゼンボー」 - Gekitotsu! kyōryū maō tsui aizenbō
24 febbraio 1978
22La statua maledetta
「怪奇! 呪いの怪獣人形」 - Kaiki! noroi no kaijū ningyō
3 marzo 1978
23L'inferno di lava
「マグマ地獄からの脱出!!」 - Maguma jigoku karano dasshutsu!!
10 marzo 1978
24Il mostro che scompare
「見た! 忍者恐竜の陰謀」 - Mita! ninja kyōryū no inbō
17 marzo 1978
25La battaglia della roccia Tengu
「鳥居博士を救え! 天狗岩の決戦」 - Torii hakase wo sukue! tengu iwa no kessen
24 marzo 1978
26Zobena la strega
「恐竜調教師! 魔女ゾビーナ」 - Kyōryū chōkyōshi! majo zobina
31 marzo 1978
27Pericolo allo stadio
「飛べ涙の白球! 襲われた甲子園」 - Tobe namida no shiro tama! osowa reta kōshien
7 aprile 1978
28La battaglia artica
「雪原に黒い影? 北極点の闘い」 - Setsugen ni kuroi kage? hokkyokuten no tatakai
14 aprile 1978
29La costellazione del dinosauro
「輝け! 恐竜親子星」 - Kagayake! kyōryū oyako hoshi
21 aprile 1978
30Il dinosauro esplosivo
「怪獣番号三三が9 ヨタノドン」 - Kaijū bangō san san ga 9 yotanodon
28 aprile 1978
31Il sosia di I-Zen
「出現! もう一人のアイゼンボー」 - Shutsugen! mō hitori no aizenbō
5 maggio 1978
32L'I-Zenborg è morto
「アイゼンボーが死んだ!?」 - Aizenbō ga shin da!?
12 maggio 1978
33Le lucciole incendiarie
「恐怖の機械螢軍団」 - Kyōfu no kikai hotaru gundan
19 maggio 1978
34Il mostro del tifone
「交信不能! 電磁波台風の襲来」 - Kōshin funō! denjiha taifū no shūrai
26 maggio 1978
35Il pallone truccato
「特訓! 魔球怪獣への挑戦」 - Tokkun! makyū kaijū heno chōsen
2 giugno 1978
36Il mostro telepatico
「大迫力! 謎の超能力怪獣」 - Daihakuryoku! nazo no chōnōryoku kaijū
9 giugno 1978
37Il film sul gruppo 'D'
「特撮映画 戦え! D戦隊」 - Tokusatsueiga tatakae! D sentai
16 giugno 1978
38Il misterioso Musashi
「怪獣軍団最後の大進撃!」 - Kaijū gundan saigo no dai shingeki!
23 giugno 1978
39Arrivederci I-Zenborg
「さよならアイゼンボーグ」 - Sayonara aizenbōgu
30 giugno 1978

Sigla[modifica | modifica wikitesto]

La versione italiana della sigla "I-Zenborg", cantata dai Megalonsingers, pseudonimo del gruppo Superobots, è stata pubblicata su 45 giri dalla ARC; sul lato B era presente la sigla di Megaloman.

Il ritorno di I-zenborg[modifica | modifica wikitesto]

Il ritorno di I-zenborg è un documentario giapponese-saudita. È una collaborazione tra la società giapponese Tsuburaya Productions, il signor Jarrah Alfurih dell'Arabia Saudita e la Cultures Factory (una società NLC). È la prima produzione arabo-giapponese nell'arte del Tokusatsu giapponese, una speciale categoria di effetti speciali dal vivo. Questo documentario è stato girato nel 2016 ed è stato trasmesso venerdì 15 dicembre 2017 sul canale arabo Spacetoon alle 20:30, ora locale saudita.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]