Hotel Lux

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hotel Lux
Hotel Luxe Moscow.jpg
L'ex Hotel Lux a Mosca nel 2013
Localizzazione
StatoRussia Russia
Circondario federaleCircondario federale centrale
LocalitàMosca
Coordinate55°45′47.39″N 37°36′31.44″E / 55.763163°N 37.608732°E55.763163; 37.608732Coordinate: 55°45′47.39″N 37°36′31.44″E / 55.763163°N 37.608732°E55.763163; 37.608732
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1911
Usoalbergo
Piani4 f.t.

L'Hotel Lux era un hotel in Mosca, nel quale nei primi anni dell'Unione Sovietica, soggiornarono a lungo leader emigrati dei partiti comunisti di altri paesi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'hotel fu costruito dal figlio del fornaio Ivan Filippov come Hotel Francija (Hotel Francia) nella via Tverskaja (Тверская улица; Tverskaja ulica) al n. 36 come edificio di quattro piani. L'hotel ospitava anche il "Caffè Filippov".

Dopo la vittoria della rivoluzione d'ottobre l'hotel fu rinominato Люкс(ъ) che corrisponde al francese (de) luxe. Dal 1921 vi fu sistemata la foresteria dell'Internazionale Comunista. Nel 1933 l'edificio fu ampliato di due piani. A quel tempo esso aveva 300 camere e poteva ospitare 600 persone. L'indirizzo nel frattempo era mutato in ulica Gor'kogo (via Gorki) 10.

I membri del Partito comunista tedesco, ivi in esilio negli anni trenta, furono molto ben trattati, anche se si lamentarono che era infestato dai ratti. Molti ospiti, nel periodo delle grandi purghe, tra il 1936 e il 1938, vi furono arrestati dall'NKVD, sottoposti a interrogatorio e torturati. Dopo una condanna sulla base di accuse arbitrarie queste persone furono deportate in Gulag (campi di lavoro forzato) o giustiziate. Nell'ottobre del 1941, quando le truppe tedesche erano a pochi chilometri da Mosca, l'hotel fu evacuato e gli ospiti trasferiti a Ufa, nel Circondario federale del Volga, ma già nel febbraio del 1942 rientravano nell'hotel.

Verso la fine della seconda guerra mondiale l'hotel ospitò per breve tempo il "Gruppo Ulbricht", che il 30 aprile 1945 rientrò in Germania.

Gli ultimi "politici" lasciarono l'hotel nel 1954. Infine questo divenne un normale hotel con il nome di "Hotel Central'naja".

Da anni l'edificio è stato restaurato. Dopo la ridenominazione della via, l'indirizzo oggi è via Tverskaja 10 (in russo Тверская улица)

Persone famose che vi hanno abitato (selezione)[modifica | modifica wikitesto]

Nell'hotel abitarono per un tempo più o meno lungo, tra gli altri, le seguenti persone famose:

Ruth Fischer, esponente femminile del partito comunista austro-tedesco, che vi fu trattenuta agli arresti domiciliari per dieci mesi, Wolfgang Leonhard, Ruth von Mayenburg (Partito Comunista d'Austria), Heinz Neumann e Margarete Buber-Neumann, membri entrambi del Partito Comunista di Germania, Walter e Lotte Ulbricht, nel 1935, ed Herbert Wehner, dal 1937 fino all’inizio del 1941. Inoltre: Johannes R. Becher, Bolesław Bierut, Willi Bredel, Georgi Dimitrow, Fritz Erpenbeck, Klement Gottwald, Antonio Gramsci, Aino e Otto Kuusinen, Elisabeth Markstein, Imre Nagy, Wilhelm Pieck, Theodor Plivier, Ernst Reuter, Rudolf Slánský, Richard Sorge, Ernst Thälmann, Josip Broz Tito, Palmiro Togliatti, Erich Weinert, Markus Wolf, Clara Zetkin.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

(In lingua tedesca salvo diverso avviso)

  • Doris Danzer (2012): Zwischen Vertrauen und Verrat: Deutschsprachige kommunistische Intellektuelle und ihre sozialen Beziehungen (1918-1960). V&R Unipress, ISBN 978-3899719390.
  • Bert Hoppe: Zimmerservice für die Revolution. Ein Besuch im Moskauer Hotel Lux, das bald zugrunde saniert wird. In: Süddeutsche Zeitung. 26. Oktober 2007.
  • Ruth von Mayenburg: Hotel Lux - die Menschenfalle. Elisabeth Sandmann Verlag, 2011, ISBN 978-3-938045-60-2.
  • Waltraut Schälike: Ich wollte keine Deutsche sein. Berlin-Wedding - Hotel Lux. Dietz Verlag, 2006.
  • Reinhard Müller: Herbert Wehner - Moskau 1937. Hamburger Edition, 2004, ISBN 3-930908-82-4.
  • Reinhard Müller: Menschenfalle Moskau. Exil und stalinistische Verfolgung. Hamburger Edition, Hamburg 2001, ISBN 3-930908-71-9. (Buchbesprechung online)
  • (FR) Arkadi Vaksberg: Hôtel Lux. Les Partis frères au service de l'Internationale communiste. Fayard, 1993, ISBN 2-213-03151-7.
  • Herbert Wehner: Zeugnis - Persönliche Notizen 1929-1942. Bastei-Lübbe, 1982, ISBN 3-404-65064-6.
  • Ruth von Mayenburg: Hotel Lux. Mit Dimitroff, Ernst Fischer, Ho Tschi Minh, Pieck, Rakosi, Slansky, Dr. Sorge, Tito, Togliatti, Tschou En-lai, Ulbricht und Wehner im Moskauer Quartier der Kommunistischen Internationale. Bertelsmann Verlag, München, 1978.
  • Ruth von Mayenburg: Hotel Lux. Das Absteigequartier der Weltrevolution. 1979, ISBN 3-492-11355-9.

Film[modifica | modifica wikitesto]

  • Heinrich Breloer: Wehner - Die unerzählte Geschichte (2) Hotel Lux. Documentario. Germania 1993.
  • Leander Haußmann: Hotel Lux. Lungometraggio con Michael Herbig, Germania, 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Russia Portale Russia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Russia