Horti Epaphroditiani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Horti Epaphroditiani
Civiltàromana
Utilizzogiardino
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComuneRoma
Amministrazione
EnteSSBAR
ResponsabileMariarosaria Barbera
Visitabileno

Gli Horti Epaphroditiani erano dei giardini situati a Roma sul colle Esquilino, nella zona di Porta Maggiore.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I giardini erano situati nella Regio V augustea (Esquiliae) e prendevano il nome dal proprietario Epafrodito[1], potente liberto di Nerone che, secondo Svetonio, fu ucciso dall'imperatore Domiziano per impossessarsi dei suoi beni[2].

Frontino li localizza nella zona in cui l'acquedotto Anio novus si riversava nel condotto dell'aqua Tepula, dietro di Horti Pallantiani con cui essi confinavano[3].

Secondo un'altra interpretazione[4] gli Horti Epaphroditiani sarebbero da posizionare in un'area esterna a Porta Maggiore.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]