Hippopotamidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Hippopotamidae
Hippopotamus.jpg
Hippopotamus amphibius
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Artiodactyla
Sottordine Suiformes
Famiglia Hippopotamidae
Gray, 1821
Generi

Hippopotamus

Hexaprotodon

Gli ippopotami sono gli unici componenti della famiglia degli Ippopotamidi che, con i Suidi e i Taiassuidi, formano il sottordine Suiformi, ordine degli Artiodattili.

La diffusione geologica della famiglia va dal medio Pliocene al Pleistocene in Asia, nel Pleistocene in Europa, e dal medio Pliocene a oggi in Africa.
Il nome hippopotamus, che in greco equivale a «cavallo di fiume», per via delle somiglianze che intercorrono fra le due specie (riferendosi all'ippopotamo quando affiora sull'acqua): l'occhio, le orecchie, le larghe narici e la fronte ampia. Le popolazioni africane lo chiamano invece «Gamhus el Behr» ossia «bufalo di fiume».

Evoluzione[modifica | modifica sorgente]

Gli studi più recenti sulle origini degli ippopotamidi suggeriscono che ippopotami e cetacei condividano un antenato comune semi-acquatico che si sarebbe differenziato dagli altri Artiodattili circa 60 milioni di anni fa[1][2], per poi dar vita, circa 54 milioni di anni fa, a due branche distinte, da una delle quali si evolsero i cetacei, probabilmente a partire dalla proto-balena Pakicetus e da altri Archaeoceti[3][4].
Su tali basi gli ippopotami avrebbero maggiori affinità con le balene di quante non ne abbiano con gli altri artiodattili.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

ORDINE Artiodattili


Ippopotamo pigmeo nello zoo di Bristol, in Inghilterra

Per quanto le differenze fra le due specie (quelle più grandi e quelle pigmee) esse riguardano l'ambiente in cui preferiscono vivere (i più grandi si immergono nell'acqua mentre i pigmei preferiscono le foreste) il carattere, i primi sono più socievoli dei secondi, mentre per quanto riguarda la composizione fisica cambiano soltanto le dimensioni.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scientists find missing link between the dolphin, whale and its closest relative, the hippo in Science News Daily, 25 gennaio 2005. URL consultato il 19 novembre 2007.
  2. ^ Gatesy J., More DNA support for a Cetacea/Hippopotamidae clade: the blood-clotting protein gene gamma-fibrinogen in Molecular Biology and Evolution, vol. 14, pp. 537-543.
  3. ^ Ursing B.M., U. Arnason, Analyses of mitochondrial genomes strongly support a hippopotamus-whale clade in Proceedings of the Royal Society, vol. 265, n. 1412, 1998, p. 2251.
  4. ^ J.R. Boisserie, Lihoreau F. and Brunet M., The position of Hippopotamidae within Cetartiodactyla in Proceedings of the National Academy of Sciences, vol. 102, n. 5, febbraio 2005, pp. 1537-1541.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

(EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005. ISBN 0-8018-8221-4.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi