Hermann Ehrhardt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'attore Hermann Erhardt, vedi Hermann Erhardt.
Hermann Ehrhardt durante il tentativo di putsch del 1920

Hermann Ehrhardt (Hohberg, 29 novembre 1881Krems an der Donau, 27 settembre 1971) è stato un militare tedesco, comandante dei Freikorps: una formazione dell'estrema destra nazionalista.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver servito come capitano di corvetta nella Marina imperiale tedesca, al termine della prima guerra mondiale e a seguito della sconfitta della Germania fonda la II.Marine-Brigade.

Di visioni monarchiche e fortemente nazionaliste, Ehrhardt si opponeva al Trattato di Versailles, considerato un diktat contro la Germania. Con la sua unità, composta da circa 6.000 uomini, combatté contro i comunisti in Baviera e Alta Slesia e partecipò al tentativo di colpo di Stato del 1920 ordito da Wolfgang Kapp e dal generale Walther von Lüttwitz.

Dopo il fallimento del colpo di Stato fugge dalla Germania ma poco dopo torna per fondare l'Organizzazione Consul, un'organizzazione militare segreta ultra-nazionalista. Nel 1923 Ehrhardt si rifiutò di partecipare al putsch di Monaco contestando l'operato di Adolf Hitler e del suo partito.

A causa di questi contrasti, il suo nome era nella lista delle persone da uccidere durante la Notte dei lunghi coltelli ma riuscì a salvarsi scappando in Austria. In seguito tornerà in Germania dopo aver ricevuto rassicurazioni dalle autorità naziste.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Robert G L Waite, Vanguard of Nazism, 1969, W. W. Norton & Company
  • David Clay Large, Where Ghosts Walked: Munich's Road to the Third Reich, W. W. Norton & Company, 1997, ISBN 0-393-03836-X, 9780393038361

Controllo di autorità VIAF: 67262363