Henry Worsley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alastair Edward Henry Worsley
Henry Worsley in 2010.jpg
Henry Worsley nel 2010
NascitaLondra, 4 ottobre 1960
MortePunta Arenas, 24 gennaio 2016
Cause della morteperitonite batterica mentre cercava di attraversare l'Antartide in solitaria
Dati militari
Paese servitoRegno Unito Regno Unito
Forza armataFlag of the British Army.svg British Army
Corpofanteria
UnitàRoyal Green Jackets
RepartoII battaglione
Anni di servizio36
GradoTenente colonnello
Altre caricheEsploratore
voci di militari presenti su Wikipedia

Alastair Edward Henry Worsley (Londra, 4 ottobre 1960Punta Arenas, 24 gennaio 2016) è stato un militare ed esploratore britannico.

Nel 2009 prese parte ad una spedizione che ritrovò e seguì le tracce della famosa spedizione antartica britannica Nimrod, guidata da Ernest Henry Shackleton nel 1907. Morì nel gennaio del 2016 cercando di completare la prima traversata antartica in solitaria.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Henry Worsley nacque a Londra il 4 ottobre 1960, unico figlio del Generale Richard Worsley e della sua prima moglie Sarah Anne Mitchell.[2][3] Era un lontano parente di Frank Worsley, il capitano della nave Endurance che tra il 1914 e il 1917 partecipò alla spedizione Endurance guidata da Ernest Henry Shackleton.[4] Servì come soldato nella British Army per 36 anni, dapprima all'interno del corpo dei Royal Green Jackets e, più tardi, dei The Rifles.[5] Promosso tenente colonnello comandò il secondo battaglione dei Royal Green Jackets[3] durante l'operazione militare britannica in Afghanistan nota come "Operation Veritas", parte della generale "Operazione Enduring Freedom".[6] Prestò servizio anche in Irlanda del Nord, Bosnia e Kosovo. È stato insignito dell'Ordine dell'Impero Britannico nel 1993 per la missione svolta in Irlanda del Nord e nel 2002 ricevette la Queen's Commendation for Valuable Service per la missione svolta in Jugoslavia nel 2001. Si è congedato dall'esercito nell'ottobre del 2015.[5]

Spedizioni antartiche[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008 ha guidato una spedizione in Antartide per aprire una nuova pista attraverso i Monti Transantartici fino a giungere a 157 chilometri dal Polo Sud. La spedizione commemorava il centenario della spedizione Nimrod guidata da Shackleton. Ritornò in Antartide nel 2011 alla guida di una squadra di sei esploratori impegnati a ricercare le tracce della spedizione effettuata da Roald Amundsen nel 1912, durante l'anno del suo centenario. Completando questa spedizione diventò il primo uomo a compiere con successo le tre piste aperte in Antartide da Shackleton, Amundsen, e Robert Falcon Scott.[5]

Ultima spedizione[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del 2015 Henry Worsley partì per un'ultima spedizione con l'intento di compiere una traversata dell'Antartide in solitaria, seguendo lo spirito del suo eroe, Ernest Shackleton e di raccogliere fondi per l'associazione Endeavour Fund, in aiuto ai reduci e ai feriti delle forze armate britanniche.[7] La spedizione ricevette il patrocinio del principe William, duca di Cambridge.[8] suo amico personale[9]. La traversata fu compiuta a piedi senza l'ausilio di mezzi a motore né di una vela da kite per aiutarlo a trainare la sua slitta di 150 kg, vela che invece venne utilizzata da Børge Ousland nella sua traversata del 1997.[5] Partì dall'isola Berkner il 13 novembre 2015[10] con l'obiettivo di completare il viaggio in 80 giorni. Percorse 1469 km in 69 giorni ma, arrivato al settantunesimo giorno di viaggio e a soli 48 chilometri dalla meta, fu costretto a fermarsi da un importante malore e da una severa disidratazione. Richiesto aiuto via radio fu trasportato in elicottero a Punta Arenas in Cile dove gli fu diagnosticata una peritonite batterica. Fu operato d'urgenza ma morì ugualmente il 24 gennaio 2016, all'età di 55 anni.[5][11]

Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Worsley viveva a Fulham, un quartiere di Londra. Era sposato dal 20 febbraio 1993 con Joanna Stainton con la quale ha avuto due figli[11]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Director's profile, TGSPartners.com, su tgspartners.com. URL consultato il 25 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2016).
  2. ^ Google Groups, su groups.google.com. URL consultato il 25 gennaio 2016.
  3. ^ a b General Sir Richard Worsley, in The Daily Telegraph, 10 aprile 2013. URL consultato il 25 gennaio 2016.
  4. ^ "Henry Worsley’s Shackleton Solo Challenge waved off by Prince William", Western Morning News, 19 October 2015 Archiviato il 20 ottobre 2015 in Internet Archive.. Visitato il 25 gennaio 2016
  5. ^ a b c d e Explorer Henry Worsley dies in Antarctic crossing, in BBC, 25 gennaio 2016. URL consultato il 25 gennaio 2016.
  6. ^ Robert Yuill, Henry Worsley, The Rifles Museum, 29 ottobre 2014. URL consultato il 25 gennaio 2016.
  7. ^ "Tragic end to Shackleton solo expedition", Endeavour Fund, 25 January 2016. Consultato il 25 gennaio 2016
  8. ^ "Henry Worsley meets the Duke of Cambridge ahead of polar adventure", Endeavour Fund, 19 October 2015. consultato il 25 gennaio 2016
  9. ^ [1] consultato il 28 gennaio 2015
  10. ^ Biography, ShackletonSolo.org. Retrieved 26 January 2016
  11. ^ a b Explorer Henry Worsley dies during Antarctic record attempt, in The Guardian, 25 gennaio 2016. URL consultato il 25 gennaio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN186078589 · ISNI (EN0000 0003 5645 5330 · LCCN (ENn2011060352 · WorldCat Identities (ENn2011-060352
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie