Hans Rosling

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rosling al galà 2012 Time 100

Hans Rosling (Uppsala, 27 luglio 1948Uppsala, 7 febbraio 2017) è stato un medico, accademico e statistico svedese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto del 1981 Rosling iniziò a investigare uno scoppio di epidemia di konzo, una malattia paralizzante descritta per la prima volta nella Repubblica Democratica del Congo.[1][2][3] La sua indagine gli ha fruttato il titolo di Ph.D. presso l'Università di Uppsala nel 1986.[3] Insieme a suo figlio, Ola Rosling, ha creato il software Gapminder (ora Trendalyzer, dopo l'acquisizione da parte di Google) e ha fondato la Gapminder Foundation.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Hans Rosling al padiglione svedese dell'Expo 2010 a Shanghai
  • 2007 – Premio come statistico dell'anno dall'associazione svedese per la statistica.
  • 2007 – Premio del giubileo dalla Swedish Medical Society.
  • 2009 – Inserito nella Top 100 Global Thinkers della rivista Foreign Policy [1]
  • 2011 – Inserito nella top 100 degli imprenditori più innovativi (The Most Creative People In Business 2011) della rivista Fast Company [2]
  • 2012 – Inserito nella top 100 delle persone più influenti (The World's 100 Most Influential People: 2012) della rivista Time [3]

Selezione di pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Three minutes with Hans Rosling will change your mind about the world, vol. 540, Nature, pp. 330–333, DOI:10.1038/540330a. URL consultato il 27 dicembre 2016.
  2. ^ (FR) G. Trolli, Paraplégie spastique épidémique,'Konzo'des indigènes du Kwango, in Résumé des observations réunies, au Kwango, Bruxelles, 1938.
  3. ^ a b (EN) W. P. Howlett, G. R. Brubaker, N. Mlingi e H. Rosling, Konzo, an Epidemic Upper Motor Neuron Disease Studied in Tanzania, in Brain, vol. 113, 1990, pp. 223–235, DOI:10.1093/brain/113.1.223, PMID 2302534.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN2385246 · ISNI (EN0000 0000 5437 3583 · LCCN (ENnr99000982 · ORCID (EN0000-0003-2732-1210 · GND (DE1155792440 · WorldCat Identities (ENnr99-000982