Grido (scout)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«Ogni Pattuglia si sceglie un motto suo proprio, che generalmente si ricollega in qualche modo all'animale di Pattuglia. Per esempio le Aquile potranno prendere, a loro ispirazione, le parole «Sollevati in alto», oppure i Castori potrebbero dire «Lavora sodo» e i Cani «Fedeli sino alla morte», e così via.»

(Robert Baden-Powell in Scautismo per ragazzi, Capitolo 1, Chiacchierata n. 4)

Il grido di Squadriglia (o di Pattuglia), chiamato anche urlo, nella terminologia scout, è un motto, una massima, o comunque una frase concisa che serve alla Squadriglia per presentarsi. Viene usato nelle cerimonie ufficiali quali alzabandiera e ammainabandiera ma anche inizio e fine riunione o comunque a quasi tutti gli schieramenti da cerimonia.

Svolgimento[modifica | modifica wikitesto]

La modalità di esecuzione del Grido varia a seconda delle tradizioni di Reparto e di Squadriglia, ma in linea generale: i capi e gli scout con la promessa scout fanno il saluto. I capi sono uno di fronte all'altro. Il vice dice: squadriglia/pattuglia (nome), elementi più uno (talvolta due), pronti. Poi viene lanciato dal Caposquadriglia e continuato dagli altri Squadriglieri. In alcuni casi vengono adottati altri schemi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]