Grande Zab

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il Grande Zab nei pressi di Irbil in Iraq.

Il Grande Zab (in arabo: الزاب الأكبر‎, al-Zāb al-akbar,[1] persiano: اب بزرگ‎, zāb-e borzog, in Turco Zap Suyu, in Siriacoܙܒܐ ܥܠܝܐ, Zawa `elaya; in Greco antico Λύκος Lykos: in Latino Lycus o Lycos) è un fiume che nasce in Turchia e che scorre in Iraq per una lunghezza complessiva di 426 chilometri, fino a sfociare nello Shaṭṭ al-ʿArab.

Attualmente la costruzione della diga di Bekhme[2] nel Kurdistan iracheno è stata interrotta. La ripresa dei lavori non è stata programmata fino a tutto il 2015.[3]. L'impatto ambientale provocato dalla diga è oggetto di disputa.

Un altro affluente del Tigri viene chiamato Piccolo Zab o Caprus (Kapros) nei testi greci. Due sono i fiumi chiamati Lycus e Caprus nei pressi della città di Laodicea al Lico in Turchia. Nei due casi siamo di fronte alle varianti Loup/Lycos/Lycus Sanglier/Kapros/Caprus.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 750, la confluenza del Grande Zab col Tigri è stato il teatro della battaglia del Grande Zab tra l'ultimo califfo omayyade Marwan II e l'esercito abbaside del Khorasan, comandato da ʿAbd Allāh b. ʿAlī b. ʿAbd Allāh, uno zio paterno di Abū l-ʿAbbās, che sarò il primo califfo abbaside.

Fino al 1915, le sponde del Grande Zab sono state abitate da una popolazione a maggioranza cristiana assira, che avevano come centro più importante la cittadina di Hakkâri, in Turchia.
All'inizio del XVI secolo, se ne contavano alcune decine di migliaia nel quadrilatero formato dall'ansa del Grande Zab, dal Lago di Van e dal Lago di Urmia[4].

Recentemente è servito come frontiera delle regioni popolate dai Curdi d'Iraq.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ O in arabo: الزاب الاعلى‎, al-zāb al-aʿlā, ossia "Zab superiore".
  2. ^ Diga di Bekhme: 36°42′11.5″N 44°16′27.06″E / 36.703195°N 44.274184°E36.703195; 44.274184.
  3. ^ (EN) Bekhme Dam (PDF), su Envirozan, su envirozan.info.., (ENJA) Bekhme, Iraq (PDF), su J-POWER/EPDC, su jpower.co.jp...
  4. ^ Hubert de Mauroy, Les minorités non musulmanes dans la population iranienne, in Revue de géographie de Lyon, 1973

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]