Glaucidium passerinum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Civetta nana
Sperlingskauz.jpg
Glaucidium passerinum
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Ordine Strigiformes
Famiglia Strigidae
Sottofamiglia Surniinae
Genere Glaucidium
Specie G. passerinum
Nomenclatura binomiale
Glaucidium passerinum
Linnaeus, 1758
Areale
Verbreitung Glaucidium passerinum Kopie.png

La civetta nana (Glaucidium passerinum Linnaeus, 1758) è un uccello rapace notturno della famiglia degli Strigidi.[2]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La civetta nana si può osservare in quasi tutta l'Eurasia; in Italia nidifica sulle Alpi, in habitat di foreste di conifere.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Uovo di Glaucidium passerinum

La civetta nana è un rapace attivo prevalentemente di notte; tuttavia, è spesso attiva anche durante le prime ore del giorno e al crepuscolo. La si può osservare anche durante il giorno, quando non è attiva ma talvolta staziona sulle cime delle conifere. La civetta nana è un uccello solitario e particolarmente adattato alla vita nei boschi: infatti, le ali corte e arrotondate e la coda abbastanza lunga le permettono di manovrare agilmente tra gli alberi. È dotata di ottima vista e udito, ed è in grado di catturare volatili grandi quasi quanto lei. È, tuttavia, predata da altri rapaci di dimensioni maggiori, tra cui allocchi, gufi reali e altri strigiformi, e alcune specie di rapaci diurni. La civetta nana è più piccola della civetta classica.

Voce[modifica | modifica wikitesto]

Emette un fischiante: chiu-chiu-chitcic

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di piccoli volatili, come cince, regoli e fringillidi, in genere fino alle dimensioni di un tordo, piccoli roditori come topi e arvicole e insetti.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Nidifica in primavera inoltrata: marzo-maggio.

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

Sono note 2 sottospecie:[2]

  • Glaucidium passerinum passerinum
  • Glaucidium passerinum orientale

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) BirdLife International 2016, Glaucidium passerinum, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2017.1, IUCN, 2017. URL consultato il 26 febbraio 2018.
  2. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Strigidae, in IOC World Bird Names (ver 6.2), International Ornithologists’ Union, 2016. URL consultato il 26 febbraio 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli