Giuseppe Lauricella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il politico italiano, vedi Giuseppe Lauricella (politico).

Giuseppe Lauricella (Agrigento, 15 dicembre 1867Catania, 9 gennaio 1913) è stato un matematico e fisico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi[1] in matematica a Pisa, ebbe come maestri Ulisse Dini, Vito Volterra e Luigi Bianchi. In quest'ateneo, fu assistente dal 1892, quindi, dal 1895 in poi, insegnò negli istituti tecnici, fin quando, nel 1898, fu nominato professore di calcolo infinitesimale all'Università di Catania. Nel 1910, passò all'Università di Roma, ma vi rimase un solo anno poiché, nel 1911, volle ritornare all'ateneo etneo, insegnandovi fino alla prematura scomparsa duramente segnata dalla sofferenza per la scarlattina contratta nell'assistere un figlio ammalato.

Lavorò principalmente in analisi e fisica matematica, con contributi notevoli in teoria dell'elasticità. In particolare, è noto per alcune generalizazioni delle serie ipergeometriche a molte variabili di Paul Appell e Joseph Kampé De Fériet, come pure per alcuni teoremi di chiusura di sistemi ortogonali di funzioni.

Fu socio dell'Accademia nazionale dei Lincei dal 1907.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Notes[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L. Silla, ”Giuseppe Lauricella“, Bollettino della Società Mathesis, 5 (1913) pp. 34-40.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN90353297 · SBN: IT\ICCU\SBNV\007408