Luigi Bianchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo calciatore, vedi Luigi Bianchi (calciatore).
Luigi Bianchi

Luigi Bianchi (Parma, 18 gennaio 1865Pisa, 6 giugno 1928) è stato un matematico italiano, esponente di rilievo della forte scuola di geometria fiorita in Italia a cavallo fra gli ultimi anni del XIX secolo e i primi del XX secolo. È sepolto nel Cimitero Monumentale di Pisa.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Come il suo amico e collega Gregorio Ricci-Curbastro, Bianchi studiò alla Scuola Normale Superiore di Pisa con Enrico Betti, eminente studioso di geometria e algebra, oggi ricordato per i suoi contributi fondanti alla topologia, e con Ulisse Dini, altra figura di spicco esperto di teoria delle funzioni. Bianchi fu fortemente influenzato anche dalle idee sulla geometria di Bernhard Riemann e dal lavoro di Sophus Lie e Felix Klein sui gruppi di Lie. Bianchi divenne docente alla Normale di Pisa nel 1896, dove trascorse il resto della sua carriera. A Pisa, tra i suoi colleghi, c'era anche il talentuoso Ricci. Nel 1890 Bianchi e Dini supervisionarono la dissertazione del noto esperto di analisi e geometria Guido Fubini.

Nel 1898, Bianchi elaborò la famosa classificazione di Bianchi delle nove possibili classi di isometrie delle varietà riemanniane a tre dimensioni, che equivale a classificare gli isomorfismi di un'algebra di Lie tridimensionale e reale, completando così il lavoro di Lie stesso, che aveva classificato le algebre complesse.

Grazie al lavoro di Luther P. Eisenhart e Abraham Haskel Taub, la classificazione giocò un ruolo importante nello sviluppo della teoria della relatività generale. Le nove classi di isometrie, che possono riguardare l'algebra di Lie, i gruppi di Lie, o le varietà riemanniane a tre parametri, sono spesso chiamate collettivamente gruppo di Bianchi.

Nel 1902, Bianchi riscoprì quelle che oggi si chiamano identità di Bianchi per il tensore di Riemann, che hanno un ruolo molto importante nella relatività generale (sono essenziali per capire le equazioni di campo di Einstein); queste identità erano state trovate da Ricci per primo attorno al 1880, ma accantonate da lui stesso.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine Civile di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Civile di Savoia

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Direttore della Scuola Normale Superiore di Pisa Successore SNS.jpg
Ulisse Dini 1918 - 1928 Giovanni Gentile

Controllo di autorità VIAF: 61619741 LCCN: n86865108 SBN: IT\ICCU\LO1V\172095