Giuseppe Antonio Abbamonte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giuseppe Antonio Abbamonte, noto anche come Giuseppe Abbamonti (Caggiano, 21 gennaio 1759Napoli, 9 agosto 1818), è stato un patriota e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

A Napoli aderì agli ideali giacobini e nel 1794, coinvolto in una congiura, fu costretto a fuggire a Oneglia. Visse poi a Loano e a Milano, dove nel 1797 pubblicò il Saggio sulle leggi fondamentali dell'Italia libera. Sempre nel capoluogo lombardo fondò il Giornale dei Patrioti italiani e collaborò con il Monitore italiano.

Nel 1798 divenne ispettore generale del ministero di polizia della Repubblica cisalpina ma in seguito fu arrestato a causa di contrasti politici.

Dopo la proclamazione della Repubblica Napoletana, pur essendo assente dalla città fu chiamato a far parte del governo provvisorio. Giunto a Napoli nella seconda metà del febbraio 1799, organizzò il tribunale di giustizia e fu dapprima nominato Presidente del Comitato centrale e poi della Commissione esecutiva.

Partecipò alla difesa della città contro le truppe sanfediste. Dopo la resa, avrebbe dovuto recarsi a Tolone insieme ad altri patrioti napoletani, ma i vincitori non mantennero i patti e li imprigionarono. Abbamonte fu condannato a morte dalla Giunta di Stato ma, per essersi arreso, la pena fu commutata in ergastolo.

Liberato nel 1801 si recò a Milano per poi tornare a Napoli definitivamente nel 1806 quando Giuseppe Bonaparte divenne re della città. Qui rivestì importanti ruoli nella magistratura e fu in seguito nominato consigliere di stato da Gioacchino Murat. Rimase in città anche dopo la restaurazione e, sotto il regno di Ferdinando I fu nominato consigliere della Corte suprema di giustizia.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Abbamonti, Saggio sulle leggi fondamentali dell'Italia libera. Dedicato al popolo italiano, Milano: dallo stampatore Luigi Veladini, anno 1° della liberta italiana, 1797.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN316737637 · ISNI (EN0000 0004 5097 1753 · SBN IT\ICCU\IEIV\048243 · BNF (FRcb16507208v (data)