Giuliano Toraldo di Francia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giuliano Toraldo di Francia (Firenze, 17 settembre 1916Firenze, 26 aprile 2011) è stato un fisico, filosofo e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del generale e geografo Orazio e di Gina Mazzoni,[1] dopo gli studi liceali si laureò in fisica all'Università di Firenze con Nello Carrara nel 1940, di cui divenne, subito dopo, assistente all'Istituto di Fisica. Al contempo, svolse attività di ricerca all'Istituto Nazionale di Ottica di Arcetri, allora diretto da Vasco Ronchi. Dopo la guerra, lavorò presso il centro di ricerca ottica della Ducati di Bologna fino al 1951 quando divennne professore straordinario di onde elettromagnetiche all'Università di Firenze, quindi ordinario della stessa disciplina nel 1954 all'Istituto Nazionale di Ottica (Arcetri), dopo due anni di ricerca e di insegnamento all'Università di Rochester. Nel 1958, passò all'Università di Firenze, come ordinario di ottica su una cattedra appositamente creata per lui. Contemporaneamente, collaborò con l'Istituto di ricerca sulle microonde del CNR di Firenze, fondato da Nello Carrara nel 1946. Negli anni '70, fondò e diresse sia l'Istituto di ricerca sulle onde elettromagnetiche, oggi Istituto di Fisica Applicata del CNR, che l'Istituto di Elettronica Quantistica (sempre del CNR). Nel 1971, fu ordinario di fisica superiore presso l'Università di Firenze rimanendovi fino al 1991, anno del pensionamento, quindi ebbe la nomina a professore emerito nel 1992.[2]

Altresì presidente della Società italiana di fisica dal 1968 al 1973, della International Commission for Optics (ICO) (1966-69), della Società italiana di logica e filosofia della scienza, del Forum per i problemi della pace e della guerra e della Scuola di musica di Fiesole, oltre l'ambito scientifico Torando di Francia ebbe vasti interessi culturali, occupandosi approfonditamente tra l'altro di filosofia della scienza. Socio nazionale dell'Accademia Nazionale dei Lincei, era anche un appassionato dantista.

Era padre dell'architetto Cristiano Toraldo di Francia.

Contributi[modifica | modifica wikitesto]

Si occupò variamente di fisica matematica, di ottica, di microonde, di laser, di meccanica quantistica, di elettrodinamica, di fondamenti della fisica, di epistemologia, di informatica e di storia della scienza. Tra i suoi principali contributi scientifici sono da ricordare, nel campo dell'ottica, la formulazione del concetto di super-risoluzione (Toraldo filters) e del principio dell'interferenza inversa (formulato nel 1941 e prodromico alla nozione di olografia), nonché la dimostrazione sperimentale dell'esistenza delle onde evanescenti (evanescent waves).

I suoi ultimi contributi hanno poi riguardato la didattica e la storia della fisica, la divulgazione della filosofia della scienza e i rapporti tra scienza e società, nonché tra cultura scientifica e cultura umanistica. Tra l'altro, in collaborazione, ha curato e tradotto in italiano il noto trattato La fisica di Feynman (titolo originale, Feynman Lectures on Physics), opera didattica di Richard Feynman in 5 tomi, che ha visto diverse edizioni e ristampe.

Molte sue opere sono state poi tradotte in diverse altre lingue.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Fisica per architetti, Edizioni Universitarie, Firenze, 1952.
  • Onde elettromagnetiche, Zanichelli, Bologna, 1953 (II edizione, con Piero Bruscaglioni, 1988).
  • Preliminari classici alla teoria della radiazione, Istituto di Fisica, Università degli Studi di Firenze, Firenze, 1958.
  • La diffrazione della luce, Einaudi, Torino, 1958.
  • Introduzione alla teoria dei fotoni e degli elettroni, Istituto di Fisica, Università degli Studi di Firenze, Firenze, 1959.
  • Appunti dalle lezioni sugli acceletatori di particelle, Istituto di Fisica, Università degli Studi di Firenze, Firenze, 1960.
  • Lezioni di elettrodinamica e radiazione, Istituto di Fisica, Università degli Studi di Firenze, Firenze, 1960.
  • Appunti di metodi matematici della fisica, Istituto di Fisica, Università degli Studi di Firenze, Firenze, 1962.
  • Teoria quantistica (non relativistica) della radiazione, Istituto di Fisica, Università degli Studi di Firenze, Firenze, 1966.
  • L'indagine del mondo fisico, Einaudi, Torino, 1976.
  • La nascita della fisica moderna (con Sergio Ciccotti), Guaraldi, Firenze-Rimini, 1978.
  • Il rifiuto. Considerazioni semiserie di un fisico sul mondo di oggi e di domani, Einaudi, Torino, 1978.
  • Problemi dei fondamenti della fisica (a cura di), LXXII corso, Scuola Internazionale di Fisica, Varenna sul Lago di Como, 25 luglio-6 agosto 1977, Società Italiana di Fisica, Editrice Compositori, Bologna, 1979.
  • Le teorie fisiche. Un'analisi formale (con Maria Luisa Dalla Chiara), Bollati Boringhieri, Torino, 1981.
  • L'amico di Platone. L'uomo nell'era scientifica, Vallecchi, Firenze, 1985.
  • Le cose e i loro nomi, Laterza, Roma-Bari, 1986.
  • Fisica, per il liceo scientifico (con Luciano Cianchi e Marcello Mancini), 3 voll., La Nuova Italia, Firenze, 1980-86.
  • La grande avventura della scienza, Istituto di Fisica, Università degli Studi di Firenze, Firenze, 1986.
  • La scimmia allo specchio. Osservarsi per conoscere (con Maria Luisa Dalla Chiara), Laterza, Roma-Bari, 1988.
  • Un universo troppo semplice. La visione storica e la visione scientifica del mondo, Feltrinelli, Milano, 1990.
  • Tempo, cambiamento, invarianza, Einaudi, Torino, 1994.
  • Dialoghi di fine secolo. Ragionamenti sulla scienza e dintorni (con Piero Angela), Giunti, Firenze, 1996.
  • Ex absurdo. Riflessioni di un fisico ottuagenario, Feltrinelli, Milano, 1997.
  • In fin dei conti, Di Renzo Editore, Roma, 1997.
  • Il pianeta assediato. Conversazione di fine millennio (con Renzo Cassigoli), Le lettere, Firenze, 1999.
  • Nascita di un uomo moderno, Edizioni CNSL, Recanati, 2000.
  • Introduzione alla filosofia della scienza (con Maria Luisa Dalla Chiara), Laterza, Roma-Bari, 2000.
  • Metodi matematici della fisica (a cura di Anna Consortini, Pier Luigi Emiliani e Daniela Mugnai), Edizioni del CNR-IFAC, Firenze, 2014.
  • Elettrodinamica e teoria della radiazione (a cura di Renzo Vallauri e Daniela Mugnai), Edizioni del CNR-IFAC, Firenze, 2018.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Per le notizie biografiche qui riportate, ci si riferisce a R. Pratesi, L. Ronchi Abbozzo, "Breve nota sul contributo scientifico di Giuliano Toraldo di Francia", Quaderni della Società Italiana di Elettromagnetismo, 1 (1) (2005) pp. 26-32, disponibile a quest'indirizzo [1]; cfr. anche https://www.aif.it/fisico/biografia-giuliano-toraldo-di-francia/
  2. ^ Elenco dei Professori Emeriti ed Onorari dell'Università degli studi di Firenze Archiviato il 6 gennaio 2014 in Internet Archive.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • R. Pratesi, L. Ronchi, C. Vasini (Eds.), Waves, Information, and Foundations of Physics: A Tribute to Giuliano Toraldo Di Francia on His 80th Birthday, Florence, 15-17 September 1996, Italian Physical Society, Editrice Compositori, Bologna, 1998.
  • R. Pratesi, L. Ronchi Abbozzo, "Breve nota sul contributo scientifico di Giuliano Toraldo di Francia", Quaderni della Società Italiana di Elettromagnetismo, 1 (1) (2005) pp. 26-32.
  • E. Castellani, "Nodi d'invarianti: l'eredità intellettuale di Giuliano Toraldo di Francia", scienziato umanista, Le Scienze, N. 521 (gennaio 2012) p. 16.
  • E. Agazzi, "Ricordo di Carlo Felice Manara e Giuliano Toraldo di Francia", Epistemologia, 34 (2) (2011) pp. 259–268.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN72528998 · ISNI (EN0000 0001 1070 4528 · SBN IT\ICCU\CFIV\010880 · LCCN (ENn80030737 · GND (DE131580396 · BNF (FRcb119966673 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n80030737