Giuliano Preparata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giuliano Preparata (Padova, 10 marzo 1942Frascati, 24 aprile 2000) è stato un fisico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Frequenta il Liceo classico Umberto I di Roma, e si laurea a Roma in Fisica Teorica, summa cum laude, relatore Raoul Gatto, nel 1964. L'anno successivo è a Firenze, borsista CNR, poi professore incaricato di Fisica dei neutroni. Dal 1967 al 1972 insegna nelle più prestigiose università americane quali Princeton, Harvard, Rockefeller, New York University. Consegue la libera docenza in Fisica Teorica, nel 1969; vince il concorso a cattedra di Fisica Teorica nel 1975. Dal 1974 al 1980 è Staff Member nella Theory Division del CERN di Ginevra.

Giuliano Preparata ha dedicato gran parte della sua attività scientifica alla fisica delle alte energie portando rilevanti contributi alla costruzione del Modello Standard, la nuova sintesi delle interazioni subnucleari. In particolare ha chiarito la natura di campo quantistico di Dirac del Quark, premessa fondamentale della unificazione elettrodebole, e ha proposto una soluzione al problema cruciale del confinamento del colore nell'ambito della Cromodinamica quantistica (QCD).[senza fonte]

Dal 1987 ha rivolto la sua attenzione anche ai problemi della materia condensata e alla fisica nucleare nel quadro della teoria quantistica dei campi, avanzando nuove teorie su soluzioni coerenti della QED in sistemi abbastanza densi e abbastanza freddi applicabili alla fusione fredda.

Ha inoltre sviluppato con Cecilia Saccone, Ordinario di Biologia Molecolare all'Università di Bari, un modello markoviano di evoluzione molecolare che ha ricevuto notevole attenzione da parte della comunità scientifica internazionale[senza fonte].

Ha pubblicato circa 400 lavori nei seguenti campi: fisica subnucleare, fisica nucleare, fisica del laser, superconduttività, superfluidità, acqua liquida e solida, materia condensata (vetri, colloidi, elettroliti, ecc.), fisica delle stelle di neutroni, astrofisica dei GRB (Gamma ray burst), fusione fredda. Si è inoltre interessato alle proprietà dei campi elettromagnetici dell'acqua, in una serie di lavori sperimentali poi ripresi nel 2009 dal Premio Nobel per la Medicina Luc Montagnier.

Scritti[modifica | modifica wikitesto]

Articoli[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • "Probing Hadrons with Leptons", Plenum Press, 1980
  • "QED Coherence in Matter", World Scientific, 1995
  • "An Introduction to a Realistic Quantum Physics" , World Scientific, 2002
  • "L'architettura Dell'universo: Lezioni Popolari Di Fine Secolo Su Ciò Che La Scienza è Riuscita a Capire Sulla Struttura Dell'universo", Bibliopolis, 2001
  • "Dai Quark ai cristalli: breve storia di un lungo viaggio dentro la materia", Bollati Boringhieri, 2002

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN3765990 · SBN: IT\ICCU\BVEV\014835 · ISNI: (EN0000 0001 0949 6418