Girolamo Cassar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Girolamo Cassaro)
Jump to navigation Jump to search

Girolamo (Ġlormu) Cassar (Vittoriosa, 15201592) è stato un architetto e ingegnere maltese.

Era l'ingegnere residente dell'Ordine di San Giovanni e fu ammesso nell'Ordine nel 1569. Partecipò alla costruzione della Valletta, inizialmente come assistente di Francesco Laparelli, prima di assumere personalmente il progetto. Ha progettato molti edifici pubblici, religiosi e privati nella nuova capitale, tra cui la concattedrale di San Giovanni, il Palazzo del Gran Maestro e gli auberges dei cavalieri. Era il padre di Vittorio Cassar, un altro architetto e ingegnere maltese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La data di nascita di Cassar non è nota, ma si ritiene che sia nato intorno al 1520 a Birgu o Gudja, da una famiglia di origine siciliana che viveva nelle isole maltesi dal 1440 circa.[1]

Cassar era inizialmente un capomastro, allievo di Evangelista Menga, l'ingegnere residente dell'Ordine di San Giovanni. Lavorò come ingegnere militare durante la Battaglia di Djerba nel 1560 e il Grande Assedio di Malta nel 1565. Durante quest'ultimo, ha lavorato alla riparazione di fortificazioni danneggiate dagli assalti ottomani, a volte a grande rischio personale.[2]

Nel 1566, l'Ordine decise di costruire una nuova capitale-fortezza, La Valletta, e Cassar divenne l'assistente di Francesco Laparelli, l'ingegnere militare italiano che era stato inviato per progettare le fortificazioni della città e la sua pianta a scacchiera. In quel periodo inventò anche diverse macchine da guerra.

Quando si trattò di costruire la città e tutti i suoi edifici sacri e civili, l'Ordine gli affidò il compito. Dal momento che però, fino ad allora, era stato un architetto prettamente militare, chiese ed ottenne di essere inviato in Italia per studiare le architetture cittadine. Il 22 aprile 1569, Cassar fu accolto come membro dell'Ordine in riconoscimento dei suoi meriti come architetto e ingegnere. A questo punto, il Gran Maestro gli rilasciò un passaporto e il 23 aprile 1569 Cassar partì da Malta alla volta dell'Italia, trascorrendo il resto dell'anno in tournée in città italiane,[2] tra cui Napoli, Roma e Lucca, tornando verso la fine dell'anno. Acquisì così familiarità con lo stile manierista, che utilizzò in molti dei suoi edifici successivi.[3]

Auberge d'Aragon, l'unico auberge che conserva ancora la pianta originale di Cassar, con un portico del XIX secolo come unica aggiunta.

Al suo ritorno a Malta verso la fine del 1569, i lavori alle fortificazioni di La Valletta erano quasi completati e Cassar prese in mano il progetto dopo la partenza di Laparelli. Divenne anche architetto e ingegnere residente dell'Ordine. Cassar progettò molti edifici pubblici, religiosi e privati all'interno della città, tra cui il Palazzo del Gran Maestro, i sette auberge originali e la chiesa conventuale (ora nota come concattedrale di San Giovanni). Cassar progettò anche alcuni edifici fuori dalla capitale, in particolare il Palazzo Verdala a Buskett.[2] Anche il progetto originale della Sacra Infermeria è attribuito a lui.[4]

La data e le circostanze della morte di Cassar non sono registrate. Fece la sua seconda volontà il 9 gennaio 1589. Si ritiene che sia morto intorno al 1592 alla Valletta. Fu sepolto nella chiesa di Porto Salvo nella stessa città.[2]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Girolamo Cassar aveva due fratelli, di nome Andreas e Ians. Sposò sua moglie Mathia (Mattea) nei primi anni del 1560, dopo di che ebbero cinque figli:[1]

  • Vittorio Cassar, probabilmente il figlio primogenito, l'erede preferito e principale. Divenne anch'egli architetto e succedette a suo padre come ingegnere residente dell'Ordine.[5]
  • Gabriele Cassar, che era anche al servizio dell'Ordine
  • Marietitina Cassar, che ha sposato Natale Ricza
  • Battistina Cassar, che sposò Antonio Habela
  • Caterinella Cassar, che sposò Ambrogio Pace

La famiglia Cassar era sufficientemente ricca e avevano almeno due schiavi. Vivevano in una casa situata tra l'odierna via St.Ursula e via Melita (già Strada Pia) alla Valletta.[1]

Cassar ebbe anche un altro figlio, Gio Domenico, da una relazione extra-matrimoniale, che si assicurò non ereditasse nulla dal testamento, giustificandosi ironicamente scrivendo che tale figlio era disobbediente.[6]

Memoria[modifica | modifica wikitesto]

Girolamo Cassar Avenue

Molti degli edifici di Cassar furono modificati o demoliti tra il XVII e il XX secolo e pochissimi edifici conservano ancora il suo progetto originale. L'unico auberge alla Valletta che conserva la facciata di Cassar è l'Auberge d'Aragon, con l'unica aggiunta di un portico alla porta principale nel XIX secolo. Altri edifici che conservano il progetto esterno di Cassar includono la concattedrale di San Giovanni a La Valletta e la Chiesa di San Marco a Rabat, sebbene i loro interni siano stati modificati nel tempo.[7]

Dopo l'indipendenza di Malta nel 1964, la strada che portava da Floriana a Castille Square alla Valletta fu ribattezzata da Duke of York Avenue a Triq Girolamo Cassar.[8]

Edifici attribuiti a Cassar[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Marco a Rabat

Di seguito è riportato un elenco di edifici noti per essere stati progettati da Girolamo Cassar o a lui attribuiti:[2]

Valletta
Altrove a Malta

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Giovanni Mangion, Girolamo Cassar Architetto maltese del cinquecento (PDF), in Melita Historica, vol. 6, n. 2, Malta Historical Society, 1973, pp. 192–200 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2016).
  2. ^ a b c d e Michael J. Schiavone, Dictionary of Maltese Biographies Vol. 1 A–F, Pietà, Pubblikazzjonijiet Indipendenza, 2009, pp. 520–521, ISBN 978-99932-91-32-9.
  3. ^ Michael Ellul, In search of Girolamo Cassar: An unpublished manuscript at the State Archives of Lucca (PDF), in Melita Historica, XIV, n. 1, 2004, p. 37, ISSN 1021-6952 (WC · ACNP) (archiviato dall'url originale il 13 marzo 2016).
  4. ^ Emanuela Garofalo, Crociere e Lunette in Sicilia e in Italia Meridionale nel XVI Secolo (PDF), Palermo, Edizioni Caracol, 2016, p. 31, DOI:10.17401/CROCIERE-LUNETTE, ISBN 978-88-98546-59-6.
  5. ^ Achille Ferres, pp. 551.
  6. ^ De uxore proxima futura magistri Hieroniymi Cassar : new light on Girolamo Cassar's immediate family / J. Abela. Melita Historica. 14(2007)4(375-386)
  7. ^ Façade of church dedicated to St Mark in Rabat to be restored, in The Malta Independent, 30 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2016).
  8. ^ Kristina Chetcuti, Where the streets have four names, in Times of Malta, 1º giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2016).
  9. ^ Achille Ferres, pp. 216.
  10. ^ Achille Ferres, pp. 171.
  11. ^ Achille Ferres, pp. 206.
  12. ^ Achille Ferres, pp. 129.
  13. ^ Pagina 79, Gaetano Moroni, "Dizionario di Erudizione Storico - Ecclesiastica. Da San Pietro sino ai nostri giorni" [1], Venezia, Tipografia Emiliana, 1866.
  14. ^ Pagina 6, S. Micallef, "La Chiesa di San Giovanni Battista in Malta" [2], Malta, Tipografia di E. Laferla, 1848.
  15. ^ Achille Ferres, pp. 220.
  16. ^ Achille Ferres, pp. 200.
  17. ^ Achille Ferres, pp. 156.
  18. ^ Achille Ferres, pp. 239.
  19. ^ Achille Ferres, pp. 115.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN173183423 · WorldCat Identities (ENviaf-173183423
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie