Giovanni De Castro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giovanni De Castro

Giovanni De Castro (Padova, 14 agosto 1837Bellagio, 28 luglio 1897) è stato un giornalista, scrittore, drammaturgo, storico e docente italiano.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Padovano di nascita ma milanese d'adozione, Giovanni De Castro era figlio del patriota, pedagogista e scrittore istriano Vincenzo De Castro e di Carlotta Solimbergo. Iniziò molto giovane collaborando con diversi giornali e in traduzioni in inglese e soprattutto dal francese. Parallelamente all'attività di giornalista e d'insegnante si dedicò a quella di scrittore pubblicando diversi drammi storici, novelle e commedie.

Tra il 1861 e il 1866 fu redattore de Il Politecnico, dove molti dei suoi articoli uscirono anche non firmati, o in alternativa con la sigla Y o con lo pseudonimo Cemda Mattross.
Fu compilatore e redattore unico di un giornale da lui fondato, La Patria[2].

Fino al 1895 si dedicò all'insegnamento di storia letteraria all'Accademia di belle arti di Brera.

Il De Castro fu anche autore di svariati libri scolastici per diversi ordini e gradi d'insegnamento; le opere per le quali è maggiormente ricordato sono volumi di carattere storico, tra cui si ricordano: I processi di Mantova e il 6 febbraio 1853, Milano nel Settecento, In memoria, Milano e le cospirazioni lombarde dal 1814 al 1820, Il Mondo Secreto e La caduta del Regno Italico.

Morì a Bellagio, nella frazione di San Giovanni, il 28 luglio 1897. Riposa al cimitero Monumentale di Milano[3].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Foglie d'autunno, Torino-Milano, Guigoni e Pagnoni, 1857.
  • Le tre sorelle; Il pittore e lo studente; Arte e mestiere, Milano, Pagnoni, 1857.
  • Tratti di penna, Milano, Tip. Arzione e C., 1858.
  • Le vergini siciliane, dramma in cinque atti, Milano, Borroni e Scotti, 1858.
  • La virtù del ricco, dramma in cinque atti, Milano, N. Battezzati, 1858.
  • I cieli. Abbozzo delle meraviglie cosmologiche, Torino-Valenza, Biagio Moretti, 1859.
  • Trieste e l'Istria e loro ragioni nella quistione italiana, Milano, Brigola, 1861.
  • Il libro del soldato italiano. Letture per le scuole reggimentali, Milano, Francesco Pagnoni, 1862.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ treccani.it - "DE CASTRO, Giovanni", su treccani.it. URL consultato il 10-01-2015.
  2. ^ La patria. Giornaletto politico educativo, su ippolitonievo.info. URL consultato il 7 luglio 2017.
  3. ^ Comune di Milano, App di ricerca defunti Not 2 4get.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN32130268 · ISNI (EN0000 0000 7973 0049 · LCCN (ENnr94001367 · BNF (FRcb129806934 (data) · BAV ADV10133333
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie