Giovanni Antonio Campostrini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Antonio Campostrini
GiannantonioCampostrini.jpg

Senatore del Regno d'Italia
Legislature XXV Legislatura del Regno d'Italia

Dati generali
Professione Ingegnere

Giovanni Antonio Campostrini (Verona, 25 aprile 1862San Pietro in Cariano, 6 novembre 1927) è stato un ingegnere e politico italiano attivo nell’area veronese, specializzato in costruzioni idriche, fu il capo progetto della costruzione della ferrovia Verona Caprino[1].

Si laureò al politecnico di Torino in ingegneria a ventitré anni. Si dedicò al miglioramento e allo sviluppo delle sue proprietà agricole in Valpolicella in particolare per quanto concerne alcune opere idrauliche. Ricoprì numerose cariche pubbliche e private[2].

Il 3 novembre 1920 assunse la carica di senatore del Regno d'Italia.

Il 6 novembre 1927 morì nella sua villa Santa Sofia a Pedemonte (frazione di San Pietro in Cariano). A Pedemonte gli è stata dedicata una via.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Secondo alcuni necrologi apparsi sul giornale L’Arena dopo la sua morte
  2. ^ Ad esempio: presidente della Banca Mutua Popolare, dell'Opera Bonomelli, dell'Accademia dell'Agricoltura e consigliere delegato dei Consorzi Agro Veronese

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pierpaolo Brugnoli, Arturo Sandrini, L'architettura a Verona dal periodo napoleonico all'età contemporanea, Banca Popolare di Verona, 1994.