Giovanna Casotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanna Casotto (Desio, 2 agosto 1962) è una fumettista e illustratrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Appassionata di disegno e fumetto, prima di intraprendere la carriera di fumettista Giovanna Casotto lavorava come casalinga[1].

Frequenta per tre anni la scuola del fumetto di Milano, finita la quale pubblica alcune storie brevi per L'Intrepido sceneggiate da Mauro Muroni. Particolarmente attratta dalla figura umana nuda, la sua fonte di ispirazione principale è lo stile di Franco Saudelli, con il quale ha in seguito avuto modo di collaborare in più di un'occasione.

L'editore Stefano Trentini le propone nel 1991 di disegnare storie a sfondo calcistico, ma lei rifiuta non sentendosi attratta dal genere. Lo stesso Trentini, tre anni dopo[2], la coinvolge nel progetto della rivista di cultura erotica e fumetti Selen. Alla chiusura della rivista passa all'analoga pubblicazione mensile Blue, edita da Coniglio Editore e inizia a pubblicare tavole erotiche per la rivista inglese Desire[3].

Ritiene la storia un particolare non fondamentale nei suoi fumetti, perché "il disegno si racconta da sé"[4].

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • La carne e lo Spirito
  • Storie brevi
  • Cattive attitudini
  • Fetish photos
  • Pigiama party
  • Femmine folli
  • Mia moglie è una santa

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vincenzo Raucci, Intervista a Giovanna Casotto, in Ink on Line, 15 maggio 2000. URL consultato il 5 aprile 2009.
  2. ^ Storia della Edizioni 3ntini&C., 25 aprile 2010.
  3. ^ Claudio Parentela, Giovanna Casotto, in komix.it. URL consultato il 5 aprile 2009.
  4. ^ Giovanna Casotto intervista se stessa, in gisy.it, 16 agosto 2007. URL consultato il 25 gennaio 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]